Ema, Milano si candida. Gentiloni: “Ce la giochiamo per vincere”

3' di lettura

Il capoluogo lombardo presenterà entro fine mese il dossier per ospitare l’Agenzia europea del farmaco, che lascerà Londra dopo la Brexit. Il premier: “Occasione anche per l'Europa”. Il governatore Maroni: “Impegno del Governo forte, tutti nella stessa squadra”

Milano lancia ufficialmente la propria candidatura come nuova sede dell'Agenzia europea del farmaco, ente che lascerà Londra dopo la Brexit. Alla presentazione del dossier, avvenuta a Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale lombardo, hanno partecipato il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, il governatore Roberto Maroni e il sindaco di Milano Giuseppe Sala.

Gentiloni: ce la giochiamo per vincere

"Ce la giochiamo per vincere, non per partecipare, e ci sono le condizioni per farlo”, ha dichiarato il premier Gentiloni. "Presenteremo entro la fine del mese un dossier molto competitivo, perché competitive sono Milano e la Lombardia ma anche perché si è lavorato insieme e si è trovato soluzioni intelligenti”. Secondo il primo ministro, la possibilità di ospitare Ema "è una grande opportunità per Milano, per la Lombardia e e per l’Italia. Una grande opportunità mettiamo a disposizione dell’Europa. Senza falsa modestia possiamo dire che è anche un'occasione per l'Europa e non solo per noi". Gentiloni ha aggiunto che la candidatura italiana "è competitiva e confido che la competizione sarà basata sulla qualità del territorio e non strani criteri di riequilibrio geopolitico. Questa e una partita che l'Italia fa bene a giocarsi in questa fase in cui vediamo sintomi di ripresa a livello nazionale. E Milano è simbolo di questa capacità di risollevarsi".

Maroni: impegno Governo forte, tutti in stessa squadra 

Ottenere il trasferimento in Italia dell'Ema "sarà una battaglia complicata, ci sono tante candidature, ma confidiamo nell'impegno del Governo, che so essere molto forte: siamo tutti nella stessa squadra e lottiamo tutti per ottenere il risultato”, ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni. Il governatore ha spiegato di aver messo a disposizione il Pirellone come sede di Ema: “Vogliamo vincere a tutti costi. Se per vincere dobbiamo confermare il Pirellone come sede definitiva io credo che dobbiamo dire di sì. Vorrebbe dire trovare una nuova sede per il Consiglio regionale della Lombardia”. Maroni ha aggiunto che "Milano è il luogo ideale per l'Ema anche per il contesto in cui è inserita”.

Sala: ci aspettiamo che Gentiloni lotti come un leone 

"Sarebbe una consacrazione internazionale meravigliosa per Milano" quella di ospitare Ema, "e noi ci aspettiamo che Gentiloni lotti come un leone per portarla a casa”, ha dichiarato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. La città, secondo il primo cittadino, "ha le carte in regola e non so quante altre città lo possano dire, questa partita la vogliamo vincere e abbiamo già portato a casa il fatto di lavorare insieme e di riconoscere le nostre qualità". Milano e la Lombardia "meritano questo riconoscimento e sarebbe una consacrazione internazionale a fronte di percorso fatto in questi anni con Expo".

Leggi tutto
Prossimo articolo