Migranti, Renzi: "È buon senso aiutarli a casa loro"

3' di lettura

Il segretario del Pd torna sulla sua affermazione che ha diviso la sinistra e acceso il dibattito con l'opposizione. Berlusconi: "Vanno fermati in Africa". Martedì a Varsavia e a Talin nuove riunioni per l'emergenza. LO SPECIALE

"C'e' un abisso tra noi e la Lega. Noi riteniamo fondamentale investire in Africa mentre la Lega ha portato in Africa solo diamanti, noi crediamo nello ius soli, è un principio di civiltà, sacrosanto. Ma al tempo stesso dobbiamo smettere di far venire tutti qua, dobbiamo salvarli tutti ma non possiamo accoglierli tutti, è buon senso". Così Matteo Renzi, che in un’intervista è tornato a parlare dell'affermazione, contenuta nel suo libro, di aiutare i migranti a casa loro. Dichiarazioni che spaccano la sinistra e accendono il dibattito politico con le opposizioni. Silvio Berlusconi, sul tema ha dichiarato: “I migranti vanno fermati in Africa”.

Renti: “Facciamoci sentire più forte in Europa”

Dalla situazione attuale, secondo l'ex premier se ne esce "facendosi sentire ancora con più forza in Europa. Ha ragione Gentiloni e tutti noi siamo con il presidente del Consiglio. C'è un passaggio delicato nei prossimi mesi – continua Renzi - si decidono i soldi dei prossimi 6 anni dal 2020 al 2026 e si decidono adesso. Facciamoci sentire. Se l'Europa non dà una mano sui migranti noi smettiamo di dare a quei paesi che non accolgono tutti i quattrini che diamo loro ogni anno”.

Berlusconi: “I migranti vanno fermati in Africa”

“Con lo ius soli ci saranno solo più arrivi" ha detto Silvio Berlusconi in una intervista al Messaggero. "L'Europa negozi accordi per bloccare le partenze sotto il controllo dell'Onu, non possiamo certo respingere chi rischia di annegare in mare: il diritto internazionale, ma prima ancora la nostra coscienza, non lo permetterebbero".

 

Pisapia: “Triton è un errore”

Giuliano Pisapia, parlando al Festival Di Spoleto, ha commentato le posizioni di Matteo Renzi spiegando che “abbiamo il dovere morale, giuridico e politico di salvare vite”. Secondo Pisapia, però, “ci sono stati 2 errori a cui bisogna rimediare: il primo è il Trattato di Dublino che prevede che la richiesta di asilo si può fare solo nel luogo in cui sbarca. Poi Triton per cui l'Italia è l'unico porto in cui far approdare le barche, un accordo di cui nessuno sapeva, ma è stato un grave secondo errore".

Brunetta su Facebook: “Renzi non ha più credibilità”

"Dopo le rivelazioni, in merito all'emergenza migranti che sta affliggendo il nostro Paese, Renzi non ha più un briciolo di credibilità”. Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera. "Renzi ha svenduto l'Italia all'Europa - prosegue - per un piatto di lenticchie, per comprarsi il consenso, e adesso prova a fare la brutta e non credibile copia del leghista di sinistra: ridicolo. Il segretario del Pd dovrebbe fare solo e unicamente una cosa: chiedere umilmente scusa agli italiani".

 

Il tema dei migranti resta nell’agenda europea

L'emergenza migranti continua a tenere banco in Europa. Martedì a Varsavia si sarà una riunione del Consiglio di Gestione di Frontex per discutere della possibile modifica del mandato della missione Triton. A Tallinn, invece, una riunione tecnica sulle misure operative su Libia, Ong e rimpatri.

 

Leggi tutto