Le università più innovative d'Europa secondo Reuters. FOTO

L'agenzia di stampa ha compilato la seconda edizione del suo ranking degli atenei più avanzati nella ricerca tecnologica in Europa. Fra le prime 100 solo cinque istituti sono italiani, mentre spiccano Belgio, Regno Unito, Germania e Svizzera. LA FOTOGALLERY
  • Clarivate Analytics e Thomson Reuters per compilare la lista delle istituzioni più innovative hanno preso in considerazione le università che hanno registrato almeno 50 brevetti nella World Intellectual Property Organization, fra il 2010 e il 2015, per poi valutarle sulla base di 10 parametri basati sui paper, sui brevetti stessi e sull'abilità di commercializzare le proprie scoperte - La classifica Reuters
  • ©Getty Images
    La lista europea è dominata dalla Katholieke Universiteit di Lovanio (Leuven), in Belgio: l'università cattolica più antica del mondo (1425), risulta anche la più innovativa sul fronte della ricerca scientifico-tecnologica in Europa. In particolare la Ku ha all'attivo un'importante collaborazione con Ford avviata nel 2016, per lo sviluppo di componenti stampate in 3D - Il ranking della Reuters
  • ©Fotogramma
    Al secondo posto si posiziona il Regno Unito con l'Imperial college di Londra. Nato nel 1907, conta oltre 16mila studenti da 125 Paesi. Fra i vari progetti in corso c'è anche una collaborazione con la Nec per lo sviluppo di sistemi idrici pubblici più efficienti e amici dell'ambiente - Studio dell'Imperial college di Londra: pillole di polline per curare la rinite
  • ©Getty Images
    Segue in classifica un'altra università del Regno Unito, quella di Cambridge, la seconda più antica del Paese dopo quella di Oxford ("solo" decima). Cambridge può vantare 96 premi Nobel fra i suoi laureati. Oggi si avvale di relazioni strategiche con società di primo piano come la Boeing, per il finanziamento dei progetti di ricerca in ambito aerospaziale e nelle tecnologie manifatturiere - Creato a Cambridge il primo embrione in laboratorio
  • ©Fotogramma
    Prima presenza per la Germania, l'Università tecnica di Monaco di Baviera è specializzata in ingegneria, scienze naturali, medicina e scienze dell'educazione. Recentemente l'università ha messo a punto una centrale idroelettrica in grado di far scorrere l'acqua senza danneggiare i pesci (foto dal profilo Twitter dell'Università tecnica di Monaco) -
  • ©Fotogramma
    Quinta in classifica è la Scuola politecnica federale di Losanna, in Svizzera. Fra i progetti più interessanti c'è il Blue Brain Project, che punta a simulare un cervello umano per comprendere meglio le malattie neurologiche (foto dal profilo Twitter della Scuola politecnica federale di Losanna) - Quali sono le università migliori d'Italia
  • Sesta posizione nuovamente per la Germania con la Friedrich-Alexander University di Erlangen, nei pressi di Norimberga. Qui studiò e insegnò, fra gli altri, il noto elettrochimico Georg Simon Ohm (padre della legge di Ohm). Nel 2015, l'università ha raccolto ben 179 milioni di euro in finanziamenti privati, in particolare per i campi dell'ingegneria, della medicina e delle scienze (foto dal profilo Facebook dell'Università di Erlangen) - Il sito dell'Università di Erlangen
  • Unica presenza francese in top 10, l'Università Pierre e Marie Curie di Parigi, in settima posizione. Che ha ereditato il dipartimento della Sorbona dopo la "scissione" del 1971, che ha dato vita a questa nuova università. Si tratta della “più grande istituzione di ricerca scientifica e medica della Francia”, scrive la Reuters - Il sito dell'Università Curie di Parigi
  • Nata nel 1842, la Delft University of Technology è la più antica oltre che la più grande università olandese, con oltre 20mila studenti. Specializzata in scienze, ingegneria e ricerca del design, l'università è tra le altre cose impegnata nella ricerca di sensori avanzati e nello sviluppo di modelli per la misurazione del cambiamento climatico. Nella foto, un modellino del nuovo Delft Hyperloop, "treno" superveloce concepito in questa università - Il sito del Delf Hyperloop
  • Per rintracciare la prima presenza italiana in classifica (l'Italia conta appena 5 presenze su 100 università) bisogna scorrere sino alla posizione 39, nella quale si trova il Politecnico di Milano. L'Unione Europea ha destinato per i progetti di questo istituto un totale di 90 milioni di euro in investimenti - Le migliori università d'Italia
  • La seconda presenza italiana è sempre localizzata a Milano: si tratta dell'Università degli studi (nota anche come la “Statale”), che si trova in posizione 53. Reuters ricorda come quest'università sia tra le fondatrici della League of european research universities. La Sapienza di Roma è 66esima, Padova è 83esima, Bologna 86esima - Il sito dell'Università degli studi di Milano