Ungheria, organizzazioni pro-migranti nel mirino del governo Orban

La campagna "Stop Soros" in Ungheria (Ansa)
2' di lettura

L'iniziativa dell'esecutivo, che ha presentato un disegno di legge in Parlamento, è stata battezzata "Stop Soros!", dal nome del finanziere filantropo statunitense. Fra le misure annunciate c'è anche un'imposta del 25% sui finanziamenti ricevuti dall'estero dalle ong

Il governo ungherese guidato dal conservatore Viktor Orban ha presentato al Parlamento un pacchetto di leggi che prevede pene severe per le organizzazioni civili che aiutano i migranti e sanzioni anche per gli aiuti umanitari. Il piano, battezzato "Stop Soros!", dal nome del miliardario statunitense di origini ungheresi considerato un fautore dell'immigrazione dal sud del mondo, punta le ong che forniscono assistenza ai profughi. Le organizzazioni sono finite nel mirino delle autorità ungheresi in quanto ritenute "agenti stranieri" o "agenti di Soros".

Mossa elettorale

Fra le misure annunciate nel pacchetto c'è un'imposta del 25% sui finanziamenti ricevuti dall'estero dalle ong e altre sanzioni, fra cui il veto che colpisce quelle ritenute "agenti stranieri". Si tratta di temi che fanno parte della campagna elettorale del Fidesz, il partito di Orban che, dichiarando "nemico pubblico" il miliardario, ha puntato a infiammare l'opinione pubblica ungherese contro i migranti e contro Soros in vista delle elezioni del 4 aprile.

Ong nel mirino

Nel disegno di legge si afferma che le ong che organizzano o sostengono l'ingresso o il soggiorno di cittadini di Paesi terzi sul territorio ungherese si qualificano come organizzazioni a sostegno della migrazione. Tale attività - compresa la campagna, la difesa, il reclutamento di volontari, la produzione di opuscoli informativi - dovrebbe essere approvata dal ministro dell'Interno, che potrebbe negare il permesso se vedesse un rischio per la sicurezza nazionale. Inoltre, gli attivisti che organizzano o sostengono i migranti, si legge ancora nel testo, potrebbero anche affrontare ordini restrittivi da parte della magistratura per impedire loro di avvicinarsi alle frontiere esterne dell'Ue in Ungheria.

La campagna contro Soros

Il disegno di legge arriva dopo varie schermaglie tra il governo Orban e Soros. L’esecutivo ha infatti spesso accusato il miliardario di finanziare l’immigrazione dall’Africa e dal Medio Oriente. Accuse sempre respinte al mittente dallo stesso Soros che, invece, ritiene che quella di Orban non sia altro che una mossa per creare un falso nemico esterno.

Leggi tutto
Prossimo articolo