Duemila messaggi in bottiglia via fiume: sanzionato per inquinamento

Il gesto dello scozzese è stato ispirato dalla canzone dei Police "Message in a bottle" (foto: Archivio Getty)
2' di lettura

Un romantico cinquantenne è stato multato dalla Scottish Environment Protection Agency per il suo gesto. La sua difesa è che fosse solo un mezzo per cercare l'anima gemella

Un 49enne scozzese, provienente dal North Lanarkshire, è stato sanzionato dall'ente deputato alla protezione ambientale scozzese (Scottish Environment Protection Agency - Sepa) per aver sparso circa duemila bottiglie contenenti messaggi d'amore nei pressi e lungo il fiume River Cree.

Un gesto romantico ispirato dai Police

La Sepa ha comunicato che le bottiglie sono state rimosse dagli abitanti delle zone di Dumfries e Galloway, dove passa il River Cree. L'uomo, che guida uno studio di consulenza a Londra, è vedovo e sostiene di aver cominciato a mandare messaggi via bottiglia dopo la morte della moglie Julia per un cancro al seno, avvenuta circa 18 mesi fa. Lo scozzese ha detto di voler semplicemente cercare una nuova compagna e di essersi ispirato alla nota canzone dei Police "Message in a bottle".

Gli attacchi sul blog

Il protagonista della vicenda ha provato a dare una spiegazione romantica del gesto sul suo blog, come riportano i media britannici: "Ho deciso di farlo perché usare i canali ordinari per questo genere di appuntamenti (siti di incontri, amici, cene al buio, etc) sembrano clichè e in ogni caso hanno intenzioni meno nobili di quelle che avevo io". L'uomo è stato sommerso dalle critiche, e una donna ha provato gentilmente a spiegargli il problema: "Ho veramente apprezzato la tua idea romantica ma non ti venisse in mente di fare lo stesso in mare visto che tanti di noi hanno perso ore nel pulire le spiagge dalla spazzatura. Che ne diresti di andare su una grande spiaggia pulita, trovarti un hobby e magari conoscere qualcuno lì? Noi tutti meritiamo amore e spiagge pulite!". In modo un po' meno poetico, la Sepa ha sanzionato l'uomo per il suo gesto, concludendo che in ogni caso non avrebbe ulteriormente proceduto contro di lui in relazione a questi episodi.

Leggi tutto
Prossimo articolo