Londra, Scotland Yard indaga sull'omicidio del ragazzo italiano

2' di lettura

Pietro Sanna, 24enne di Nuoro, lunedì è stato accoltellato a morte nel suo appartamento. L'ipotesi di una rapina finita nel sangue non è stata confermata ufficialmente dagli investigatori. Il padre del giovane è arrivato nella capitale britannica

Le indagini di Scotland Yard sull’omicidio di Pietro Sanna proseguono nel massimo riserbo. Il 24enne italiano, originario di Nuoro, é stato accoltellato a morte lunedì nella sua abitazione di Londra. Le autorità non hanno confermato ufficialmente l'ipotesi considerata la più accreditata dagli investigatori, quella della rapina finita nel sangue. Anche altre piste rimangono aperte.

Contatto costante tra le autorità

L’ambasciata italiana a Londra ha fatto sapere che non ci sono novità e che il consolato rimane in stretto contatto con la Met Police. La sala operativa dell'Interpol è in contatto con la polizia britannica per fornire supporto alle indagini.

Il padre del giovane è a Londra

Graziano Sanna, il padre della vittima, è partito in mattinata dalla Sardegna ed è arrivato a Londra dove è assistito dal console generale italiano nella capitale britannica. La madre, invece, attende notizie nell'hotel della famiglia a San Teodoro. 

Sanna era a Londra a due anni

Il giovane ucciso a Londra viveva in Gran Bretagna da due anni. Si era trasferito, raggiungendo il fratello maggiore, con l'obiettivo di perfezionare l’inglese e dopo una prima esperienza da precario era riuscito a farsi assumere in un grande magazzino. Abitava in un appartamento che condivideva con amici. A luglio doveva tornare a casa in Sardegna.

Leggi tutto