Portogallo, polemiche dopo l'incendio. Il premier ordina un'inchiesta

3' di lettura

Sale a 63 il numero delle vittime, 135 i feriti. Bandiere a mezz'asta davanti alla sede della Commissione Ue a Bruxelles. Il presidente della Repubblica: “Ci sono interrogativi che non possono non angustiarci”. Giallo su un canadair caduto a Pedrogao

Insieme al dolore, gli interrogativi e le polemiche. I tre giorni di lutto nazionale non sono ancora finiti, le bandiere dell’Ue a Bruxelles sventolano a mezz’asta per commemorare le vittime, e in Portogallo ci si interroga sulla gestione dell’incendio che ha causato la morte di almeno 63 persone e il ferimento di altre 135. Diversi esperti, sulla stampa locale, sostengono infatti che sarebbe stato “possibile evitare una tragedia” di tali dimensioni. Il premier Costa ha ordinato un'inchiesta. Intanto, un aereo canadair impegnato nella lotta contro il grande incendio di Pedrogao è caduto al suolo.

Morti carbonizzati mentre cercavano di fuggire

Tra le misure più contestate ci sono la mancata chiusura tempestiva delle strade minacciate dall’incendio intorno a Pedrogao e l’assenza di ‘zone sicure’ per accogliere i civili in fuga. Quarantasette delle vittime sono infatti morte carbonizzare sulle strade della zona mentre cercavano di fuggire: trenta di queste solo sulla Statale 236, diventata la “strada della morte”. Una sopravvissuta ha raccontato che era stato un agente a farle prendere la 236. "E' sicura". Invece era quasi una condanna a morte. La donna si è salvata per miracolo lasciando l'auto in fiamme e saltando su quella di una sconosciuta.

Premier ordina inchiesta

Il premier portoghese Antonio Costa ha ordinato un'inchiesta sulle condizioni nelle quali è divampato il drammatico incendio e sulle misure prese per gestire la crisi nei primi momenti. E' polemica in particolare nel paese sulla mancata tempestiva chiusura della statale 236, ora ribattezzata la “strada della morte”.

De Sousa: "Interrogativi che ci angustiano"

“Ci sono interrogativi che non possono non angustiarci”, ha ammesso in un discorso alla nazione il capo dello Stato Marcelo Rebelo de Sousa. Il presidente ha poi invitato tutti a rimandare le polemiche alla fase post emergenza, concentrandosi nell’immediato sulla lotta contro le fiamme – l’incendio, infatti, non è ancora stato domato del tutto – e sull’assistenza alle vittime. 

Giallo su canadair caduto a Pedrogao

Intanto, è giallo sulla caduta di un Canadair questo pomeriggio a Pedrogao. Le autorità portoghesi non hanno confermato la notizia diffusa da molti organi di stampa. Il segretario di stato agli interni Jorge Gomes ha detto che "nessuno dei mezzi aerei che combattono contro il fuoco risulta mancante" e che "tutti sono operativi". 

Data ultima modifica 20 giugno 2017 ore 20:00

Leggi tutto