Egitto, Arabia, EAU, Bahrain contro il Qatar: "Sostiene i terroristi"

4' di lettura

Doha è accusata di appoggiare gruppi estremistici e la politica dell'Iran nella regione. Sospesi i voli di Etihad, Emirates e FlyDubai per il Paese che ospiterà i mondiali nel 2022. Espulsi tutti i cittadini. Il ministro degli Esteri qatariota: "Accuse ingiustificate"

Egitto, Arabia Saudita, Emirati Arabi e Bahrain hanno annunciato lo stop dei rapporti diplomatici col Qatar in seguito a crescenti tensioni tra i paesi del Golfo Persico. La rottura dei rapporti diplomatici segue di appena 15 giorni la visita a Riad del presidente americano, Donald Trump che ha chiesto ai Paesi musulmani di agire in maniera decisiva contro l'estremismo religioso. Stessa decisione è stata presa in seguito anche dal  governo riconosciuto internazionalmente dello Yemen, guidato dal presidente Abd Rabbo Mansur Hadi. Il governo di Hadi, vicino a Riad, ha sede nella città meridionale di Aden. La capitale yemenita Sanaa è invece occupata dagli Houthi da quasi tre anni. 

Oltre ad annunciare la rottura delle relazioni diplomatiche con Doha, l'Arabia Saudita, gli Emirati arabi uniti (Eau) e il Bahrain hanno decretato l'espulsione di tutti i cittadini qatarini, dando loro 14 giorni per partire.  I governi di questi tre Paesi hanno inoltre ordinato ai loro cittadini che si trovano in Qatar di passaggio o come residenti di lasciare il Paese. 

Qatar accusato di sostenere gruppi islamisti

La mossa delle quattro nazioni arabe approfondisce ulteriormente la divisione tra i paesi del Golfo per il presunto sostegno qatariota ai gruppi islamici. In particolare l'Arabia Saudita accusa il Qatar di appoggiare i Fratelli Musulmani, diffondere i messaggi di Isis e al-Qaeda e di sostenere le politiche iraniane nella regione. Anche il Bahrein accusa Doha per "l'incitamento dei media, il sostegno alle attività terroristiche armate e i finanziamenti legati a gruppi iraniani per sabotare e diffondere il caos in Bahrein".

Chiusi i collegamenti aerei

L'Arabia Saudita ha chiuso i collegamenti terrestri, aerei e marittimi con l'emirato; e citando fonti locali, anche l'Egitto ha chiuso il suo spazio aereo a tutti i mezzi aerei del Qatar. Gli Emirati Arabi Uniti hanno dato 48 ore di tempo ai diplomatici qatarini per lasciare il Paese. Abu Dhabi accusa Doha di "sostenere e finanziare" il "terrorismo, l'estremismo e le organizzazioni settarie". Sospesi i voli delle compagnie aeree Etihad, Emirates e FlyDubai da e per il Qatar. L'agenzia di Stato del Bahrein ha detto che il Paese taglia i rapporti con il Qatar perché Doha "mette a rischio la stabilita' del Bahrein e si intromette nei suoi affari" interni.

Tensione dopo critiche del Qatar a politiche anti iraniane

Le tensioni sono state scatenate nelle ultime due settimane da alcuni articoli attribuiti all'emiro del Qatar, Tamin bin Hamad al Thani, che aveva criticato la retorica anti-iraniana dei suoi vicini del Golfo e contro il presidente americano, Donald Trump; articoli accolti con grande clamore in Arabia Saudita. Il Qatar ha smentito quelle dichiarazioni, liquidandole come 'fake news', notizie false,  ma gli Emirati avevano avvertito che "una grave crisi" stava per scatenarsi all'interno del Consiglio di Cooperazione del Golfo.

Qatar: "Accuse ingiustificate, ci vogliono mettere sotto tutela"

Dura la reazione ufficiale di Doha, affidata al ministero degli esteri qatarino: "Le misure sono ingiustificate e si basano su affermazioni e accuse che non hanno alcun fondamento nei fatti", dice la nota. Esse hanno "un obiettivo chiaro, mettere lo Stato (del Qatar) sotto tutela, il che significa una violazione della sua sovranità" ed è "totalmente inaccettabile". La nota del ministero aggiunge che la decisione dei Paesi del Golfo "non avrà conseguenze sulla normale vita di cittadini e residenti". Intanto però la Qatar Airways ha annunciato la sospensione dei voli verso l'Arabia Saudita.

Usa chiedono a paesi arabi di restare uniti

E' la crisi più grave dalla nascita nel 1981 del Consiglio di Cooperazione del Golfo. Il Qatar, paese ricco di petrolio e gas, possiede il network panarabo Al Jazeera e ospiterà i mondiali di calcio nel 2022. Da Sydney, il capo della diplomazia americana, Rex Tillerson, ha chiesto ai Paesi del Golfo di restare uniti.

Leggi tutto