Corea del Nord, università conferma arresto americano: è il quarto

2' di lettura

Mentre cresce la tensione tra Washington e Pyongyang arrivano conferme su un altro fermo. Kim Hak Song, che lavorava nell'ateneo della capitale nordcoreana, sarebbe accusato di “atti ostili” 

Un'università della Corea del Nord ha confermato l'arresto di un cittadino statunitense a Pyongyang, il quarto cittadino americano fermato dal regime nel contesto di crescente tensione nella penisola.

L'accusa: “Atti ostili”

Kim Hak Song è stato fermato con l'accusa di "atti ostili", ha reso noto domenica l'agenzia Kcna, spiegando che lavorava presso l'Università di Scienza e tecnologia di Pyongyang (Ustp). La struttura è la stessa in cui faceva lezione un altro americano arrestato il mese scorso, Kim Sang-Duk, anche chiamato Tony Kim, accusato di voler rovesciare" il regime di Kim Jong-un.

E' il quarto cittadino fermato in Corea del Nord

Fondata da evangelisti cristiani, l'Ustp ha aperto i battenti nel 2010, ha vari docenti americani e la frequentano i rampolli dell'elite del regime. L'ateneo ha confermato l'arresto, spiegando che Kim è stato fermato mentre si apprestava a uscire dal Paese, dove era arrivato alcune settimane fa, per progetti di sviluppo agricolo nell'azienda agricola sperimentale dell'università stessa. Ma il suo arresto, prosegue la nota dell'ateneo, "non ha nulla a che vedere con la sua attività universitaria".Con l'arresto di Kim Hak Song diventano quattro i cittadini degli Stati Uniti detenuti nella Corea del Nord, che ha ingaggiato un braccio di ferro con l'amministrazione di Donald Trump su proprio programma nucleare.

Leggi tutto