Paura degli attentati, Parigi perde un milione e mezzo di turisti

Il museo del Louvre nel 2016 ha fatto registrare un calo delle presenze del 13,3% rispetto al 2015 (Getty Images)
1' di lettura

Il Comitato regionale del turismo ha fatto sapere che nel 2016 c’è stata una flessione del 4,7% delle visite rispetto all'anno precedente. Decisiva la minaccia terrorismo

Gli attentati fanno paura e a Parigi calano i turisti. Per il Comitato regionale del turismo nel 2016 il numero di visitatori nella capitale francese è diminuito di 1,5 milioni rispetto all’anno precedente. Il calo, che interessa non solo Parigi ma tutta la regione, sarebbe da attribuirsi principalmente alla minaccia terroristica che avrebbe scoraggiato in particolar modo i turisti giapponesi e cinesi.

 

I numeri – Secondo i dati diffusi dalla commissione e ripresi del quotidiano Le Monde, i turisti giapponesi sono calati del 41,2%, il dato più numeroso tra quelli rilevati, mentre quelli cinesi sono diminuiti del 21,5%. La paura però non ha colpito solo i viaggiatori provenienti dall’estremo oriente. Il comitato ha riscontrato una sostanziosa diminuzione anche dei turisti russi (-27,6%) e di quelli provenienti dagli Stati Uniti (-4,9%), storicamente fra i più numerosi a far visita alle bellezze della capitale francese. Nel complesso i dati parlano di una flessione del 4,7% rispetto al 2015, numeri che, secondo la Commissione, hanno provocato perdite nel settore del turismo pari a 1,3 miliardi di euro.

 

Gli europei – A incidere, secondo la ricerca, sono stati soprattutto gli attacchi terroristici del 7 gennaio 2015 alla sede del giornale satirico Charlie Hebdo, e quelli del 13 novembre 2015 allo Stade de France e al Bataclan. Il timore di nuovi attentati ha condizionato le scelte anche dei turisti italiani, che nel 2016 secondo il comitato hanno fatto segnare una flessione del 26,1%. In diminuzione anche gli altri visitatori europei con britannici e spagnoli che sono stati meno numerosi rispettivamente dell’8,6% e del 9,9%. Timore dal quale invece non si sono fatti influenzare i turisti francesi che sono rimasti pressoché stabili con un meno 0,8% e 16,7 milioni di presenze totali.

 

I monumenti – Il calo dei turisti ha avuto ripercussioni anche sul numero dei biglietti staccati all’interno dei siti storici e artistici di Parigi. L’Arco di trionfo, ad esempio, ha fatto registrare un meno 24% di turisti mentre la torre di Montparnasse il meno 32%. Tendenza negativa anche per i musei del Louvre e d’Orsay calati rispettivamente del 13,3% e del 12,9%. Non tanto migliori i numeri fatti segnare dai siti fuori dalla capitale francese come il castello di Versailles (-9,8%) e il parco divertimenti di Disneyland Paris (-9,5%).

Leggi tutto