Pena di morte, in Texas la prima esecuzione del 2017

1' di lettura

Iniezione letale per un uomo di 48 anni accusato di aver ucciso due persone. Nelle ultime ore la notizia della condanna alla pena capitale per Dylan Roof, il killer che uccise 9 afroamericani in una chiesa a Charleston

Prima esecuzione del 2017 negli Stati Uniti, nella notte in Texas. A subire l'iniezione letale è stato Christopher Wilkins, 48 anni, accusato di aver ucciso due uomini dopo che uno di loro lo aveva deriso per essere caduto in un finto affare di droga. Wilkins è stato dichiarato morto alle 6.29 della sera, 13 minuti dopo l'iniezione di pentobarbital. Prima della puntura, ha mormorato due volte "Mi dispiace" rivolto a due parenti di una delle vittime che assistevano all'esecuzione attraverso un vetro.

20 esecuzioni nel 2016 - Lo scorso anno le esecuzioni negli Stati Uniti sono state una ventina, cifra più bassa dal 1980 ad oggi.

Condannato killer Charleston - Proprio nelle ultime ore è arrivata la condanna alla pena capitale per Dylann Roof, il 23enne che nel giugno 2015 entrò in una chiesa metodista a Charleston, in South Carolina, e massacrò a colpi di arma da fuoco 9 afroamericani. Roof è il primo imputato di crimini di odio ad essere condannato alla pena di morte, ha dichiarato un portavoce del Dipartimento della Giustizia.

Leggi tutto