Ryanair, O'Leary: stop alle cancellazioni dei voli dopo marzo

Secondo O'Leary, Ryanair in Italia prevede una crescita del 6% nel periodo invernale (Getty Images)
2' di lettura

L'amministratore delegato della compagnia low cost, incontrando i vertici di Enac, ha assicurato che i voli cancellati finora saranno gli ultimi, aggiungendo che la situazione "sta tornando alla normalità". Per il momento non saranno previste sanzioni

Le cancellazioni annunciate fino a marzo 2018 "sono le ultime". Lo ha assicurato l'amministratore delegato di Ryanair, Michael O'Leary, parlando con i giornalisti dopo l’incontro con il presidente dell'Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac), Vito Riggio, e il direttore generale, Alessio Quaranta, in merito alla possibilità, al momento scongiurata, di sanzioni per la compagnia low cost.

Crescita del 6% in Italia

"Abbiamo assicurato all'Enac che non ci saranno ulteriori cancellazioni oltre quella annunciate fino a marzo, che saranno le ultime", ha dichiarato O'Leary che ha anche voluto sottolineare la solidità della sua compagnia nel nostro Paese: "Abbiamo confermato una crescita del 6% per il periodo invernale e abbiamo già annunciato nuovi piani e nuove rotte per il 2018". Programmazione che permette all’amministratore delegato della compagnia di guardare al futuro con ottimismo: "Abbiamo sistemato le cose, i nostri voli stanno tornando alla normalità".

Riggio: non ci sono gli estremi per applicare sanzioni

Nell’incontro con Enac, O'Leary ha potuto illustrare la situazione di Ryanair, offrendo rassicurazioni sul fatto che l’emergenza delle scorse settimane non sia frutto di una crisi strutturale. Elementi che devono aver convinto il presidente Vito Riggio che ha dichiarato: "Al momento non ci sono gli estremi per applicare sanzioni a Ryanair, ma restiamo vigili e pronti ad intervenire se ci saranno segnalazioni". A margine dell’incontro l'amministratore delegato della compagnia irlandese ha chiarito anche che, in merito alle penalizzazioni che hanno subito i passeggeri, "i risarcimenti costeranno circa 25 milioni di euro" e che è già stata trovata una soluzione per il 95% dei passeggeri.

Capitolo Alitalia

Dopo l’incontro, O'Leary rispondendo alle domande dei giornalisti ha parlato anche della possibile trattativa per Alitalia: "Al momento bisogna pensare ai problemi della Ryanair. Non possiamo distrarci con l'Alitalia, anche se continua il dialogo con i commissari". 

Leggi tutto
Prossimo articolo