Calabria, 4 corpi trovati in casa a Rende: ipotesi omicidio-suicidio

2' di lettura

Si tratta di padre, madre e due figli poco più che ventenni. Nell'appartamento sono state trovate due pistole. Ancora da chiarire la dinamica di quanto è accaduto. Procuratore Cosenza: "Non c'è nulla di sicuro" 

Quattro cadaveri sono stati trovati in un appartamento a Rende, in provincia di Cosenza, in Calabria. Si tratta di padre, madre e due figli (un maschio e una femmina poco più che ventenni). Secondo una prima ipotesi potrebbe trattarsi di un caso di omicidio-suicidio ma la dinamica di quanto accaduto è ancora da chiarire. Lo ha sottolineato anche il procuratore di Cosenza, Mario Spagnuolo: "Al momento, non c'è nulla di sicuro su quanto è realmente accaduto". Nell'appartamento i carabinieri hanno trovato due pistole. Dagli accertamenti è emerso che le armi sarebbero state sottratte a chi le deteneva legalmente e cioè al padre dell'uomo morto. Si pensa che chi ha sparato le abbia prese dal posto in cui erano custodite e le abbia portate con sé nella casa in cui sono stati trovati i quattro cadaveri.

Le morti risalirebbero alla scorsa notte

La tragedia sarebbe avvenuta intorno alle 4 del mattino. A dare l'allarme sarebbe stato il fratello dell'uomo: ha suonato alla porta senza ricevere risposta e ha quindi allertato i Vigili del fuoco, poi intervenuti sul posto. I carabinieri della sezione scientifica del Comando provinciale di Cosenza, intanto, sono al lavoro nella villetta teatro della sparatoria. Gli investigatori stanno sentendo i familiari delle vittime, anche per cercare di risalire a quello che potrebbe essere il movente di quanto è successo. Non sarebbero però emersi elementi che possano dare un'indicazione sulle cause scatenanti.

Ancora da chiarire la dinamica dei fatti

Secondo i carabinieri della Compagnia di Rende e i magistrati della Procura di Cosenza non c'è alcuna certezza che a sparare contro la moglie e i due figli sia stato l'uomo. Per avere delle certezze si attende l'esito degli esami balistici e dello stub sui cadaveri. Per quanto riguarda i corpi, è emerso che tre sarebbero stati trovati nel corridoio, mentre un quarto in una stanza vicina. Il procuratore di Cosenza ha precisato che "dall'esito degli accertamenti sarà possibile capire cosa effettivamente è accaduto e chi ha sparato a chi. Al momento, in questo senso, non si può dire nulla".

Data ultima modifica 12 febbraio 2018 ore 18:57

Leggi tutto
Prossimo articolo