Pompei, ignoti sfregiano l'affresco di Bacco e Arianna

Lo sfregio ha riguardato una porzione di circa 10 centimetri di un quadretto raffigurante Bacco e Arianna (archivio Ansa)
2' di lettura

Lo ha comunicato il direttore generale del Parco archeologico campano che ha presentato una denuncia per atti vandalici. Già allertate le squadre di restauro per riparare una porzione di circa 10 centimetri del quadretto posto nella Regio IX

Atto vandalico all'interno degli scavi di Pompei, dove ignoti hanno danneggiato l'affresco di Bacco e Arianna. L'episodio è stato reso noto dai responsabili del museo nella serata del 10 gennaio.

L'atto vandalico

I vandali avrebbero preso di mira l'affresco presente in una delle domus chiuse al pubblico. A rendere noto l'episodio è stato il direttore generale del parco archeologico di Pompei, Massimo Osanna, che in una nota ha ripercorso le prime fasi della vicenda. “Questo pomeriggio – ha scritto Osanna - un custode ha segnalato alla direzione un atto vandalico in una domus chiusa al pubblico (Regio IX, insula 5, 14-16). A seguito di un immediato sopralluogo dei tecnici del parco archeologico – ha proseguito Osanna – è stato rinvenuto il danneggiamento di una porzione di circa 10 centimetri di un quadretto raffigurante Bacco e Arianna".

 

Avviate le procedure di restauro

Osanna ha inoltre reso noto che subito dopo la scoperta dello sfregio, la responsabile degli Scavi, Grete Stefani, ha presentato una denuncia per atti vandalici presso la stazione dei carabinieri interna agli Scavi. La direzione ha successivamente mobilitato i propri restauratori per avviare le procedure di recupero e restauro. “Mi auguro – ha concluso Osanna - che vengano presto identificati i responsabili. Chi compie questi atti ferisce l'Italia e il suo patrimonio culturale".

Leggi tutto
Prossimo articolo