Tenta di sottrarre neonata in una clinica di Milano, fermata una donna

Clinica Mangiagalli (Ansa)
2' di lettura

La piccola è nata 10 giorni fa. Sarebbe stata prelevata con la scusa di dover fare accertamenti. L'allarme è stato lanciato dal personale dell'ospedale ed è intervenuta la vigilanza

Sventato un tentativo di rapimento di una neonata alla clinica Mangiagalli del Policlinico di Milano. Una donna di origini sudamericane si sarebbe introdotta nel reparto neonati, nel primo pomeriggio del 10 luglio, e avrebbe tentato di sottrarre una bambina alla madre, che stava aspettando di essere dimessa. 

Una finta dottoressa

Sono ancora molte le dinamiche da chiarire su quanto accaduto. Secondo le prime informazioni, la donna si sarebbe finta una dottoressa e sarebbe entrata nella stanza dove si trovavano la neomamma e la neonata di 10 giorni. Con la scusa di dover fare degli accertamenti, sarebbe poi uscita dalla stanza con la piccola. L'intrusa potrebbe aver sfruttato l'orario di visite dei parenti e il fatto che molte madri si stessero preparando a lasciare la struttura ospedaliera con i loro bimbi.  La donna - come riporta una nota stampa diffusa dal Policlinico di Milano - è stata però subito bloccata in reparto dalla vigilanza, allertata immediatamente dal personale sanitario.

Nessuna conseguenza per la madre e la bambina

La donna che ha tentato di portare via la bimba, a quanto si apprende da fonti ospedaliere, non avrebbe mai manifestato problemi psichiatrici. Mentre "il tentativo non ha avuto alcuna conseguenza né per la piccola né per sua madre, che sono potute tornare a casa come previsto, nonostante la disavventura”, si legge in una nota dell’ospedale. Sul luogo sono intervenuti anche i carabinieri.


 

Leggi tutto
Prossimo articolo