Maturità, la bici con le ruote quadrate esiste: ecco come funziona

2' di lettura

Uno dei problemi che gli studenti dei licei scientifici hanno dovuto affrontare nella seconda prova scritta riguarda un modello di bicicletta particolare. Alcuni prototipi si trovano al MoMath Museum Of Mathematics di New York, in un padiglione dedicato al divertimento

“Si può pedalare agevolmente su un bicicletta a ruote quadrate?”. È questo uno dei quesiti della seconda prova dell’esame di maturità, destinata agli studenti dei licei scientifici impegnati sulla traccia di matematica.

Il quesito

Nel problema si cita il caso del MoMath Museum of Mathematics di New York e si chiede agli studenti di stabilire se una data funzione rappresenti adeguatamente il profilo della pedana per far muovere una bicicletta dalle ruote quadrate. La domanda, che ha suscitato molta curiosità, ha un riscontro reale. La risposta è che si può in effetti pedalare su una bici con le ruote quadrate, a condizione che lo si faccia su una superficie che presenti delle piccole dune. Tali dune sono un particolare tipo di curva detta catenaria  la cui equazione è: $y\,=\, \frac{ a }{2 } * (e^ \frac{ x }{a } + e^ -\frac{x }{a})$. Per capire come è fatta, si immagini di tenere le due estremità di una corda: il resto di essa, cadendo, finisce proprio per formare una curva.

Il prototipo a New York

La bicicletta a ruote quadrate esiste davvero e un prototipo è esposto al MoMath Museum of Mathematics di New York, in un padiglione del museo americano dedicato al divertimento matematico. Diversi video su YouTube mostrano i visitatori, bambini e adulti, alle prese con la particolare bicicletta.

Per far sì che le ruote quadrate scorrano sulla superficie il profilo della pedana deve soddisfare alcuni requisiti. Ecco l'attore Jeremy Irons impegnato nella prova con la bicicletta dalle ruote quadrate: 

"I think the experience of riding a square-wheeled bicycle is one that will be with me the rest of my life." - Jeremy Irons #Math #Museum #JeremyIrons

Un post condiviso da National Museum of Mathematics (@momath1) in data:

Leggi tutto