Dieselgate, 5mila morti all'anno sarebbero causate dalle emissioni

Le emissioni manipolate hanno un costo rilevante in termini di vite umane (Getty images)
2' di lettura

Lo sostiene una ricerca pubblicata dalla rivista "Environmental Research Letters". Sarebbero queste le conseguenze in Europa dello scandalo venuto alla ribalta nel 2015. In Italia le vittime sono 1.250

Cinquemila morti all'anno, di cui 1.250 solo in Italia. Questo, secondo uno studio pubblicato sulla rivista "Environmental Research Letters", sarebbe l'impatto dello scandalo Dieselgate in Europa.

Dati in linea con previsioni

Il Dieselgate, emerso nel 2015, portò alla luce le modifiche illegali delle centraline per truccare le emissioni delle auto facendole sembrare più "ecologiche", coinvolgendo inizialmente la Volkswagen per poi allargarsi ad altre case automobilistiche, tanto che l'Unione Europea è corsa ai ripari introducendo nuovi test per i motori diesel. Il dato che emerge dalla nuova ricerca è comunque in linea con le previsioni precedenti sul numero di vittime ricollegabili alle emissioni manipolate.

Mortalità quasi raddoppiata

Lo studio si concentra sull'incidenza dell'accaduto in Europa, prendendo in esame i 28 Paesi dell'Ue più Svizzera e Norvegia. Secondo i ricercatori, la causa di circa 10mila decessi all'anno nel Vecchio Continente può essere riconducibile all'inquinamento dovuto al particolato fine emesso dalle macchine diesel: circa la metà di queste morti (4.750) potrebbe però essere evitata se le emissioni di ossido di azoto dei veicoli fossero simili a quelle osservate realmente nei test di laboratorio.

Più decessi in Italia, Germania e Francia

I Paesi europei che fanno registrare più vittime, secondo la ricerca, sono Italia, Germania e Francia, "a causa della loro popolazione elevata e della proporzione di vetture diesel sul totale", che rappresentano circa la metà dell'intera flotta europea: le vetture che nel Vecchio Continente utilizzano questa alimentazione sono circa 100 milioni, il doppio di quelle del resto del mondo. Nel nostro Paese, in particolare, il numero di morti riconducibili alle polveri sottili generate dai veicoli diesel è di 2.810 l'anno, di cui 1.250 legate al surplus di emissioni rispetto a quanto certificato. Per la Germania i decessi annui sono 960 e per la Francia 680; il minor numero di vittime si registra invece in Norvegia, Finlandia e Cipro.

Leggi tutto
Prossimo articolo

le ultime notizie di skytg24