Giornata mondiale dei popoli indigeni

Gli indigeni nel mondo sono 370 milioni, distribuiti in 90 diversi Paesi, pari al 5% della popolazione globale
4' di lettura

Istituita dall'Onu nel 1994, tutela circa 370 milioni di persone distribuite in 90 Paesi diversi, che rappresentano il 5% della popolazione mondiale

Il diritto a vivere secondo le tradizioni e nell’ambiente originario: sono questi i valori fondanti della Giornata mondiali dei popoli indigeni. Istituita dall'Onu nel '94, questa giornata tutela 370 milioni di indigeni distribuiti in 90 diversi Paesi: sono il 5% della popolazione mondiale, ma 15% della parte più povera. Quest’anno non solo si celebrano i 23 anni dalla sua istituzione, ma anche i dieci anni dalla Dichiarazione dei diritti delle popolazioni indigene.

La dichiarazione dei diritti dei popoli indigeni

Ogni anno il 9 agosto si celebra la giornata mondiale dei popoli indigeni istituita dall’Onu. Quest’anno cade il 23esimo anniversario, ma anche i dieci anni dalla dichiarazione dei diritti di queste popolazioni. Il 13 settembre del 2007, infatti, l’Assemblea generale adottò questa dichiarazione durante la 62esima sessione tenutasi a New York. Secondo il diritto internazionale, non si tratta di un documento vincolante a livello giuridico, ma nelle intenzioni dell’Onu, dovrebbe "incarnare il consenso globale sui diritti dei popoli indigeni e stabilire un quadro globale di norme minime per la loro sopravvivenza, dignità e il loro benessere". Negli ultimi dieci anni – ricorda l’Onu sul proprio portale – l’attuazione della Dichiarazione ha conseguito diversi successi a livello internazionale, nazionale e regionale, ma nonostante questo continua ad esserci un divario tra il riconoscimento formale dei popoli indigeni e l’attuazione delle politiche sul territorio.

I popoli dell'Amazzonia

Tra i luoghi in cui la presenza di popolazioni indigene è più cospicua c’è sicuramente l’Amazzonia. Qui, secondo i dati dell’organizzazione internazionale "Survival" – movimento che si occupa dei diritti dei popoli indigeni nel mondo – vivono un milione di autoctoni. L’Amazzonia ospita circa 400 tribù, ognuna delle quali ha le sue tradizioni e una propria lingua. La maggior parte di queste popolazioni non ha contatti con il mondo esterno da circa 500 anni. Altre non hanno addirittura mai avuto contatti con le società che le circondano. Il Brasile è il Paese sudamericano che ospita gran parte degli indigeni con circa 240 tribù per un totale di 900 mila persone, lo 0,4% dell’intera popolazione brasiliana. Il governo ha riconosciuto a queste tribù 690 territori, ovvero il 13% del suolo del Paese. I territori protetti si trovano per il 98% in Amazzonia che è abitata dalla metà degli indigeni brasiliani. La comunità attualmente più numerosa del Brasile è quella dei “Guarani” che conta 51 mila membri circa, anche se del loro territorio originale è rimasto poco a causa dello spazio concesso per l’allevamento di bestiame, le piantagioni di soia e quelle di canne da zucchero. Il popolo con il territorio più vasto, che occupa un’area di 9,4 milioni di ettari nell’Amazzonia settentrionale è quello dei “Yanomami”, composto da 19 mila membri. Di contro, sono diverse le tribù che contano meno di mille persone. La più piccola è addirittura composta da un solo uomo. Survival sottolinea, inoltre, che oggi "molte comunità vivono ammassate in riserve sovraffollate, mentre altre sono accampate sotto teloni di plastica sui cigli delle superstrade".

I popoli africani

Tra i popoli indigeni più noti ci sono, poi, i Boscimani che contano circa 100 mila persone e vivono in Botswana, Namibia, Sud Africa e Angola. A causa della scoperta dei diamanti agli inizi degli anni ’80 nei territori da loro occupati, i governi locali forzarono questa popolazione a lasciare i territori dei giacimenti rinvenuti. A partire dal 1997 ci furono i primi sfratti forzati. Secondo quanto scrive Survival, oggi i Boscimani vivono in campi di reinsediamento. “Per sopravvivere – scrive l’organizzazione internazionale - dipendono in gran parte dalle razioni di cibo distribuite dal governo perché sono praticamente impossibilitati a cacciare e vengono picchiati e arrestati se sorpresi a farlo”. Diversi, poi, sono i popoli che vivono nella Valle dell’Omo in Etiopia. Qui, le piene del fiume omonimo garantiscono biodiversità e sicurezza alimentare. Questi popoli applicano tecniche di coltivazione a rotazione, in particolare sorgo, mais e fagioli e vivono di pastorizia nelle savane o nei pascoli prodotti dalle esondazioni. Alcune tribù si danno anche alla caccia e alla pesca. Negli anni ’60 e ’70, in questi territori sono stati istituiti parchi nazionali che hanno causato la progressiva perdita di controllo e l’esclusione delle popolazioni indigene.


Leggi anche:
  • Auto investe militari a Parigi: 6 feriti. Non si esclude terrorismo
  • 007 Usa: Kim ha mini testata nucleare. Trump: stop o fuoco e fiamme
  • Terremoto in Cina: 19 morti nel Sichuan, centinaia di turisti evacuati
  • Isolato nell'intestino il batterio anti sclerosi multipla
  • Torre del Greco, dopo l'arresto del sindaco si candida Nina Moric
  • Leggi tutto
    Prossimo articolo