Maltempo Piemonte, nuova frana su statale 337: protestano frontalieri

Piemonte

Un tratto di strada è scivolato a valle aprendo una voragine che costringe i numerosi automobilisti a percorre vie alternative. Il sindaco di Re: "Riapertura della strada prevista per lunedì 23 dicembre"

La nuova ondata di maltempo che ha colpito il Piemonte (IL METEO) ha provocato disagi questa mattina lungo la statale 337, chiusa per una frana nel comune di Re, tra le frazioni di Iselle e Ponte Ribellasca. Un tratto di strada è scivolato a valle aprendo una voragine che costringe i numerosi frontalieri a percorre strade alternative. I tecnici di Anas valuteranno oggi la situazione per decidere come intervenire. Funziona regolarmente la ferrovia 'Vigezzina' tra Domodossola e Locarno (Svizzera).

Il sindaco di Re: "Riapertura della strada prevista per lunedì"

Massimo Patritti, sindaco del Comune di Re (in provincia di Verbano-Cusio-Ossola), ha annunciato che la Statale 337 della valle Vigezzo rimarrà chiusa sino a lunedì: “Anas lavorerà 24 ore al giorno per permettere già da lunedì 23 dicembre la riapertura della strada a senso unico alternato e a fasce orarie”.  

La protesta dei Frontalieri

"Ancora una volta abbiamo provato la paura sulla nostra pelle. Per andare a lavorare corriamo grossi rischi: tutto questo perché qualcuno non fa il suo dovere", le parole di Antonio Locatelli, coordinatore dei frontalieri del Vco. Sono 5.500 i frontalieri che dal Piemonte si spostano in Svizzera ogni giorno. Da oltre 10 anni la statale attende l'inizio dei lavori di messa in sicurezza. Due giorni fa la notizia dell'assegnazione della gara d'appalto. Per 10 milioni di euro per la sistemazione dei versanti della strada che attraversa la Vigezzo.

Torino: I più letti