Asti, perito ucciso: il 91enne ora è in stato confusionale

Tribunale di Asti, foto di archivio (Fotogramma)
1' di lettura

Dopo l'arresto le condizioni di Dario Cellino sono risultate stabili, ma l'uomo ai sanitari che lo hanno visitato non è apparso pienamente lucido 

Primo giorno in carcere, nell'infermeria della casa circondariale di Quarto d'Asti, per Dario Cellino, il 91enne che ieri ha sparato e ucciso Marco Massano, il perito di 44 anni incaricato dal tribunale di valutare la casa dell'anziano per un pignoramento. Dopo essere stato arrestato, il 91enne è stato visitato in ospedale. Le sue condizioni sono risultate stabili, anche se ai sanitari non è apparso pienamente lucido. Lunghi i suoi silenzi, riferiscono gli inquirenti, confusi i sentimenti che ha dimostrato, ma quando ha sparato sembra fosse lucido. Lunedì mattina sosterrà l'interrogatorio di garanzia davanti al giudice.

Il commento dei colleghi della vittima

"Ci sentiamo in pericolo e sempre più spesso chiediamo alle forze dell'ordine di accompagnarci per eseguire le perizie – commenta la presidente del Collegio dei geometri di Asti, Donatella Curletto – Spesso ci facciamo accompagnare dalle forze dell'ordine per effettuare le perizie in luoghi rischiosi e di solito sono gli avvocati che ci avvisano dell'eventuale pericolo, ma questa volta nessuno ha avvisato Marco".

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"