Honor Band 5, lo smart-band alleato del fitness

Now

Daniele Semeraro

La nostra prova del braccialetto smart: comodo da indossare e utile per monitorare attività fisica e qualità del sonno. Mantiene una finestra aperta sulle notifiche che si reputano più importanti, da WhatsApp a Instagram

Presentato al pubblico europeo in occasione dell’Ifa di Berlino, a settembre, Honor Band 5 - della grande famiglia Huawei - è un braccialetto fitness versatile che può essere un ottimo alleato della forma fisica di chi lo indossa nonché un buon “segnalatore” di notifiche che arrivano sullo smartphone abbinato, dalle telefonate ai promemoria.  

Caratteristiche principali

Il Band 5 ha un display Amoled abbastanza ampio, da 0,95 pollici. La forma è rettangolare, allungata e leggermente curva, e garantisce una visibilità ottima anche sotto la luce del sole. Diversi gli sfondi, le “faces”, che si possono scegliere - alcune colorate e simpatiche, altre più “tecniche” - con cui personalizzare le informazioni che vogliamo visualizzare a colpo d’occhio sul polso. Dall’orario al meteo, dai passi compiuti in giornata alle calorie bruciate. Il design minimale lo rende adatto a uomini e donne: sono infatti disponibili tre colori: blu, nero e rosa. Il cinturino è in silicone, risulta comodo al polso e non interferisce coi capi di abbigliamento. 

Le funzioni fitness

Honor Band 5 misura con un buon grado di accuratezza quanto si cammina durante il giorno, quanto si brucia in vari tipi di allenamento - che si possono impostare - ma anche la qualità del sonno e la frequenza cardiaca. Va in acqua fino a 50 metri e quindi è perfetto per chi nuota. Fa pure da “pulsissometro”, ovvero rileva la saturazione di ossigeno nel sangue, un dato con cui però nella quotidianità non serve a molto (è un valore che si misura in ambito domestico o in caso di emergenze sanitarie per valutare la necessità di ricorrere alla ventilazione assistita): con valori al di sotto del 95% può essere utile chiedere consiglio al proprio medico.

Abbinamento con il cellulare

Band 5 dà il meglio se abbinato a uno smartphone Honor o Huawei, con cui dialoga con l’app Salute preinstallata, ma si può scaricare l’app gemella anche per altri dispositivi Android e per gli iPhone di Apple. Il braccialetto fa da specchio alle notifiche del cellulare, a seconda di quelle che si impostano, dalla sveglia alle telefonate, dai messaggi alle segnalazioni di Instagram e altri social. Su chat ed sms la lettura non sempre risulta ottimale: non vengono visualizzate foto o emoji e in caso di messaggi multipli non sempre si riescono a vedere tutti correttamente. Con le notifiche “in entrata” non si può interagire, - se non con le telefonate, ma solo per rifiutarle - cosi come ai messaggi non si può rispondere. Utile la funzione per scattare foto: aprendo la fotocamera dallo smartpphone sull’Honor Band compare automaticamente il simbolo di una macchina fotografica. Si può a quel punto posizionare altrove il telefono e scattare la foto con un tocco del dito sullo schermo del braccialetto. Un modo per sostituire l’autoscatto a tempo. 

La nostra pagella

Buona la durata della batteria, almeno una settimana-10 giorni con un utilizzo normale senza sessioni intense di attività fisica. Un po’ macchinoso il sistema di ricarica per cui il braccialetto deve agganciarsi al supporto del cavo fornito in dotazione. Tra i pro ci sono la praticità, la leggibilità del display e anche il prezzo, considerando che in Italia e in altri mercati europei viene venduto a 30 euro. Tra i contro la gestione delle notifiche abbastanza elementare e non sempre immediata (ma questo è un particolare comune a tutti i braccialetti fitness che, appunto, hanno diversi limiti rispetto a uno smartwatch vero e proprio), l’incastro per la ricarica, e il mancato riconoscimento in automatico delle attività fisiche e di allenamento che non vengono riconosciute automaticamente (bisogna impostarne l’inizio - con eventuali obiettivi - e la fine). Il rapporto qualità prezzo comunque rimane incredibilmente ottimo.

Tecnologia: I più letti