Huawei Mate X, prezzo e caratteristiche dello smartphone pieghevole 5G

Tecnologia

Il dispositivo da 6,38 pollici si apre, diventando un piccolo tablet da 8 pollici. Arriverà in commercio entro la prima metà del 2019 e costerà 2.299 euro

Promessa mantenuta: Huawei ha portato al Mobile World Congress di Barcellona il primo smartphone pieghevole compatibile con il 5G. Si chiama Huawei Mate X. "I nostri ingegneri hanno lavorato su questo schermo per oltre tre anni", ha spiegato Richard Yu, responsabile del business consumer di Huawei. Ecco le caratteristiche dello smartphone.

Come funziona il display

A differenza di Samsung, il gruppo cinese ha deciso di non rivelare anticipazioni. Tanto che l'annuncio della presentazione al Mwc 2019 è arrivata solo a gennaio. Diversa è anche la soluzione tecnica rispetto a quella del gruppo coreano. Samsung ha infatti scelto di chiudere il display principale verso l'interno (come una sorta di cofanetto) e di tenere all'esterno un secondo schermo, più piccolo. Huawei Mate X, invece, si piega nel verso opposto, lasciando il display attivo, verso l'esterno. Più esposto (il che richiederà nuove soluzioni anche per le cover) ma probabilmente più riuscito. Dispiegato, il display Oled ha una diagonale di 8 pollici, con risoluzione 2480 x 2200 pixel. In pratica un piccolo tablet. Una volta chiuso, il dispositivo si divide in una porzione da 6,6 pollici con risoluzione 2480 x 1148 pixel e una da 6,38 pollici con risoluzione 2480 x 892 pixel. La differenza è dovuta al fatto che una delle due parti è affiancata da una barra dove sono posizionate fotocamera, antenna 5G, porta per l'alimentazione. Rispetto al Samsung Galaxy Fold (4,3 pollici il display esterno e 7,3 quello interno), il Mate X è quindi più grande. Il dispositivo è alto 161,3 millimetri. La larghezza passa da 78,3 millimetri quando è chiuso a 146,2 millimetri quando è aperto. È molto sottile quando è in "formato tablet" (5,4 millimetri) ma supera il centimetro una volta ripiegato, per un peso di 295 grammi.

Processori e batteria

Sotto la scocca, Huawei Mate X ha un processore Kirin 980 (il top di casa Huawei), GPU Mali-G76 e – come annunciato a Pechino lo scorso gennaio – il chipset Balong 5000 per la connettività 5G. Le sue performance dipenderanno dalla rete, ma la velocità di download può arrivare a 4,6 Gbps, cioè quattro volte e mezzo quella della fibra più evoluta oggi presente in Italia. Lo smartphone ha una RAM di 8 GB e una memoria interna di 512 GB. La batteria per alimentare un display così ampio doveva per forza essere capiente: 4500mAh.

Prezzo e data di lancio

Huawei, oltre a mostrare il prodotto sul palco, lo ha esposto, al contrario di Samsung, ma (come Samsung) non ha permette di metterci le mani sopra. Probabilmente perché c'è ancora qualcosa da perfezionare in attesa del lancio. Sì, perché il Mate X non arriverà subito ma entro metà anno. Insomma: se il Mobile World Congress 2019 sarà ricordato per gli smartphone pieghevoli, sarà comunque necessario aspettare qualche mese prima di vederli in circolazione (Samsung Fold arriverà a maggio). Si dovrà sborsare una bella cifra: Huawei Mate X costerà 2.299 euro, 319 in più rispetto al Galaxy Fold. Yu ha riconosciuto che è "molto costoso" ma ha detto che la società sta lavorando per abbassare il prezzo.

Tecnologia: I più letti