Guerra in Ucraina, Google Maps rimuove posizioni di possibili obiettivi dei bombardamenti

Tecnologia
©IPA/Fotogramma

Una decisione arrivata “per cautela”, dopo le lamentele sui social network di alcuni utenti. “Stiamo temporaneamente bloccando anche la pubblicazione di nuove modifiche”, ha detto un portavoce della compagnia. Anche altre grandi società online hanno apportato modifiche ai propri servizi dopo l’invasione russa

ascolta articolo

Anche il gruppo Alphabet prende provvedimenti nel contrasto digitale alla guerra in Ucraina: la controllante di Google ha infatti deciso di rimuovere da Maps le posizioni inviate dagli utenti all'interno dei confini di Russia, Ucraina e Bielorussia. La società, ha spiegato un portavoce al sito a BuzzFeed News, sta rimuovendo anche nuovi contenuti come foto e informazioni commerciali "per cautela" (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE - LO SPECIALE - I VIDEO).

Posizioni utilizzabili per attacchi aerei

leggi anche

Santa Sofia, simbolo di Kiev tra i possibili obiettivi dei raid russi

La decisione di Alphabet è arrivata dopo le lamentele sui social network di alcuni utenti, che accusavano Google Maps di ospitare contenuti e posizioni presumibilmente utilizzabili per attacchi aerei su città come Kiev e Kharkiv. "Per cautela, stiamo rimuovendo i contributi degli utenti come foto, video, recensioni e informazioni commerciali e tutti i luoghi inviati dagli utenti da Google Maps in Ucraina, Russia e Bielorussia dall'inizio dell'invasione e stiamo temporaneamente bloccando la pubblicazione di nuove modifiche", ha detto il portavoce di Google dopo aver esaminato le segnalazioni.

Le azioni delle altre compagnie

approfondimento

Guerra Ucraina, piattaforme social media si attivano contro fake news

Non c’è solo Google ad aver apportato modifiche ai propri servizi, dopo lo scoppio della guerra: Meta (la società che controlla Facebook e Instagram), Twitter, TikTok e YouTube (anche quest’ultima nella galassia di Alphabet) stanno provando a limitare la diffusione di contenuti inattendibili o chiaramente frutto di propaganda. E hanno bloccato l’accesso a Russia Today, emittente russa in lingua inglese.

Tecnologia: I più letti