Google dedica un doodle a Vera Gedroits, pioniera russa della chirurgia di guerra

Tecnologia

La donna si distinse durante la guerra russo-giapponese affinando una tecnica per il trattamento delle ferite addominali. Si affermò anche in campo letterario pubblicando le sue poesie sotto lo pseudonimo di Sergei Gedroit

È Vera Gedroits, la prima donna chirurgo in Russia e tra le prime al mondo, la protagonista del doodle di Google di oggi. Un omaggio nel giorno del 151esimo compleanno per un medico che è stata anche poetessa e autrice di testi letterari con lo pseudonimo di Sergei Gedroits, dal nome di uno dei suoi fratelli morto giovane.

La storia della Gedroits

approfondimento

Doodle per Laura Bassi, prima donna al mondo con cattedra università

Nata il 19 aprile del 1870, Vera Ignatievna Gedroits era originaria di una famiglia di discendenza reale lituana a Kiev, allora parte dell'Impero russo. Iniziò a studiare medicina a San Pietroburgo e nel 1894 sposò per convenienza Nikolai Belozerov riuscendo così a ottenere un passaporto per continuare a proseguire gli studi in Svizzera dove, nel 1898, si laureò col massimo dei voti. Rientrata in Russia per assistere la madre, la Gedroits venne assunta come chirurga nell’ospedale di un cementificio. Nota per essere stata la pioniera nell’applicazione della tecnica della laparotomia (apertura chirurgica della cavità addominale) ai soldati feriti sui fronti di battaglia, eseguì diversi interventi sui feriti di guerra. Dal 1909 fino allo scoppio del primo conflitto mondiale, fu il primo medico donna a servire anche alla corte reale. Nel 1929 tornò a Kiev dove divenne professoressa di chirurgia presso l'Università. Colpita da un tumore morì 3 anni più tardi, nel 1932. 

Tecnologia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.