Apple, iOS 13: un trucco per guardare negli occhi nelle videochiamate

Tecnologia
iOS (Getty Images)

La funzione si chiama FaceTime Attention Correction ed è stata scovata nella beta 3 di iOS 13: aggiusta lo sguardo dei partecipanti facendo sembrare che questi si guardino sempre negli occhi 

Con iOS 13 Apple è intenzionata a risolvere definitivamente il fastidioso problema delle videochiamate, durante le quali gli occhi dei partecipanti sono spesso puntati verso il basso, poiché diretti al display. La beta 3 del nuovo sistema operativo di Apple contiene infatti un nuovo interessante strumento chiamato FaceTime Attention Correction: stando a quanto riportato da testate specializzate come The Verge e Techcrunch, la nuova aggiunta farebbe una grande differenza riuscendo a correggere in modo efficace la direzione dello sguardo quando si utilizza l’app per le videochiamate.

Con iOS 13 mai più occhi in basso nelle videochiamate

Per quanto ci si sforzi, durante le videochiamate lo sguardo tende a rimanere puntato verso il display che ritrae la figura contattata, con lo spiacevole effetto di sembrare distratti o intenti a guardare qualcos’altro. Nella terza beta di iOS 13 recentemente lanciata Apple prova a risolvere il problema con una nuova funzione decisamente innovativa. FaceTime Attention Correction riesce infatti ‘magicamente’ a risollevare lo sguardo degli utenti coinvolti nella videochiamata, dando l’impressione che questi guardino la telecamera, quindi negli occhi dell’altra persona. Come riporta The Verge, l’esperto Dave Schukin ha spiegato su Twitter che il trucco è ottenuto grazie ARKit, che mappa il volto dell’utente per poi correggere la posizione degli occhi.

Per ora solo sugli ultimi iPhone

Come notato inoltre da TechCrunch, FaceTime Attention Correction sembra funzionare al momento soltanto su iPhone XS e XS Max: ciò potrebbe essere dovuto alle caratteristiche più avanzate dei due device, sia per quanto riguarda la fotocamera che per il processore A12. C’è tuttavia anche la possibilità che Apple decida con il tempo di espandere la nuova funzione anche ai modelli più vecchi. Cupertino ha pubblicato la prima beta di iOS 13 a fine giugno, in anticipo rispetto a quanto annunciato inizialmente. Ci vorrà comunque del tempo, e diverse versioni temporanee, perché Apple metta a disposizione degli utenti il rilascio definitivo del sistema operativo, che dovrebbe includere diverse interessanti novità tra cui il dark mode. 

Tecnologia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24