Google, sarà possibile ordinare il cibo con Ricerca e Maps

Tecnologia

Gli utenti avranno anche la possibilità di procedere all’ordine dei propri piatti preferiti chiedendo direttamente all’Assistente digitale: “Ehi Google, ordina cibo da (ristorante)”

Presto sarà possibile ordinare del cibo a domicilio direttamente da Maps, Ricerca o chiedendo a Google Assistant.
La conferma arriva dalla stessa azienda di Mountain View che ha annunciato di aver stretto collaborazioni con aziende del calibro di DoorDash, Postmates, Delivery.com, Slice e ChowNow e che sono in corso le trattative con altre società, Zuppler compresa.
L’integrazione sarà inizialmente disponibile per gli utenti statunitensi, ma verrà poi estesa in altri Paesi.

“Ehi Google, ordina cibo da...”

Gli utenti avranno la possibilità di procedere all’ordine dei propri piatti preferiti selezionando la voce “Ordina Online” che apparirà direttamente in Ricerca e su Maps, dopo aver cercato il ristorante o la cucina convenzionata. In pochi semplici click sarà possibile visualizzare il menù e pianificare il proprio ordine e la consegna. Gli utenti hanno anche la possibilità di pagare utilizzando Google Pay.
Inoltre, al solo comando “Ehi Google, ordina cibo da (ristorante)”, l’assistente digitale di Big G indirizzerà gli utenti direttamente al menù delle cucine convenzionate. Sarà quindi possibile in pochi passaggi completare l’ordine e pianificare la consegna.
Se invece si desidera riordinare un pasto, al comando “Ehi Google , riordina il cibo da (ristorante)”, l’assistente di Big G mostrerà agli utenti gli ordini effettuati in passato, così da velocizzare la procedura.

Google Glass Enterprise Edition 2 ufficiali, tutte le novità

Big G ha da poco svelato la seconda generazione dei Google Glass Enterprise. I nuovi occhiali smart sono più resistenti e robusti rispetto al primo modello e verranno lanciati sul mercato a un prezzo che molto probabilmente si aggirerà attorno ai 999 dollari.
Google Glass Enterprise Edition 2 montano un’innovativa scocca sviluppata in collaborazione con Smith Optics e hanno una batteria da 820 mAh più potente rispetto a quella presente nella prima generazione di occhiali smart. Comprendono, inoltre, una fotocamera con sensore da 8 Megapixel, 3 microfoni e un Touchpad laterale.

Tecnologia: I più letti