Facebook, entro 50 anni gli utenti morti potrebbero superare i vivi

Tecnologia

È lo scenario ipotizzato dai ricercatori dell’Oxford Internet Security. Secondo questa previsione, nel 2100 sul social saranno presenti almeno 1,4 miliardi di account associati a utenti deceduti 

Come sarà Facebook tra 50 anni? Considerando che il mondo dei social media è in costante evoluzione non è facile fare delle previsioni accurate, tuttavia le ricerche che provano a ipotizzare il futuro del social media fondato da Mark Zuckerberg non mancano. Per esempio, secondo un recente uno studio dell’Oxford Internet Institute, entro il 2100 gli utenti morti sulla piattaforma potrebbero superare quelli vivi. Questo calcolo è basato sull’ipotesi che nei prossimi anni Facebook non attrarrà più nuovi iscritti, rendendo quindi impossibile un ricambio generazionale. Se questa possibilità dovesse concretizzarsi, entro 50 anni sul social saranno presenti almeno 1,4 miliardi di account associati a degli utenti deceduti. Secondo i ricercatori, l’anno in cui gli utenti morti diventeranno più numerosi di quelli vivi sarà il 2070.

L’altra ipotesi

Facebook è stato fondato nel 2004 da Mark Zuckerberg e attualmente può contare su 2,2 miliardi di utenti. Negli ultimi anni, gli utenti più giovani hanno preferito altre piattaforme al classico social network, tuttavia non si è ancora verificato un calo vistoso come quello previsto dagli esperti dell’Oxford Internet Institute. Lo studio ipotizza anche un altro scenario, maggiormente realistico. Secondo questa seconda previsione, gli utenti del social media continueranno ad aumentare del 13% anno dopo anno e nel 2100 gli account associati a delle persone non più in vita saranno 4,9 miliardi. Per gli autori dello studio "il vero numero quasi certamente è a metà dei due scenari".

L’eredità digitale

Questo tipo di ricerche è intrinsecamente legato al tema dell’eredità digitale. Nelle scorse settimane, Facebook ha rivelato che utilizzerà l’Intelligenza Artificiale per individuare i profili delle persone che sono decedute e per evitare che gli utenti possano ricevere delle notifiche relative al compleanno di chi non c’è più o altri contenuti simili. Inoltre, il social media introdurrà una nuova sezione dedicata a chiunque desideri omaggiare un amico che ha perso la vita con foto, ricordi e pensieri.

Tecnologia: I più letti