WhatsApp Business, iniziato il rilascio della versione per iOS

Tecnologia

Al momento la versione della piattaforma pensata per le piccole aziende è disponibile solo nell’App Store di Francia, Brasile e Messico, ma dopo una fase di test sarà rilasciata in tutto il mondo 

È iniziato il rilascio di WhatsApp Business per i dispositivi iOS. Come riporta il sito The Verge, la versione della piattaforma di messaggistica pensata per le piccole aziende e attività professionali è presente, per il momento, sull’App Store di pochi paesi (Messico, Brasile e Francia), ma dopo una fase di test verrà resa disponibile in tutto il mondo. WhatsApp Business è stata lanciata nel gennaio 2018 come app gratuita per Android.

Strumenti dedicati alle piccole aziende

Con WhatsAppa Business i proprietari e i dipendenti di piccole aziende possono comunicare facilmente con i loro clienti attraverso i diversi strumenti messi a disposizione della piattaforma, come i messaggi automatici o le risposte rapide, ovvero una serie di testi pre impostati da inviare al proprio pubblico con un click per rispondere alle domande più frequenti. I gestori possono anche creare un profilo aziendale, nel quale inserire tutti i dati della loro attività (nome, indirizzo, contatti, orari, sito web) e organizzare tutti i clienti in una rubrica a loro dedicata. La piattaforma offre anche numeri e statistiche sulla quantità di messaggi inviati, consegnati e letti.
Per le medie e grandi imprese, invece, WhatsApp ha creato la versione Business API, pensato per potenziare e facilitare la comunicazione con clienti sparsi in tutto il mondo. Mette a disposizione servizi aggiuntivi a pagamento.

Bloccare le app non originali

Pochi giorni fa, WhatsApp ha comunicato che tutti gli utenti che utilizzano versioni non originali dell’app, quali WhatsApp Plus o GB WhatsApp, vedranno il loro profilo temporaneamente bloccato. Questi cloni, infatti, da un lato offrono delle funzionalità premium, come la possibilità di cambiare sfondi, temi o di usare diversi caratteri, dall’altro presentano delle falle nella sicurezza nelle quali gli sviluppatori di WhatsApp non possono intervenire. La società, rilevata da Facebook Inc. nel 2014, si è quindi trovata costretta a modificare la propria policy, decidendo di bloccare tutti coloro che non utilizzeranno l’app originale.

Tecnologia: I più letti