Usa, presto online le istruzioni per costruire una pistola 3D

2' di lettura

Dal primo di agosto saranno pubblicati online i progetti per la realizzazione di armi in plastica. Lo ha stabilito un giudice distrettuale americano al termine di una causa durata cinque anni 

Dal primo di agosto saranno nuovamente disponibili online al pubblico americano le istruzioni per realizzare una pistola con una comune stampante 3D. La decisione è stata presa dal giudice distrettuale di Austin, Robert Pitman, che ha smentito così l’Ufficio del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, il quale nel 2013 rese obbligatoria la rimozione dei file per violazione del Regolamento Internazionale sul Traffico d’Armi (Itar). Le tre associazioni statunitensi che si battono per il controllo e la regolamentazione delle armi negli States non sono riuscite a vincere la lunga causa per la quale richiedevano la conferma del divieto di pubblicazione online dei tutorial. A diffonderli in rete è l'organizzazione non-profit Defense Distributed.

Le istruzioni presto di nuovo online

La decisione del giudice distrettuale americano chiude una disputa iniziata nel 2013, quando il fondatore dell'organizzazione, Cody Wilson, intentò una causa contro il Dipartimento di Stato. Dall'azione legale per una presunta violazione del primo e del secondo Emendamento, si è arrivati al patteggiamento di giugno, che ha aperto alla diffusione delle istruzioni online per la fabbricazione della pistola. Si tratta di un'arma a colpo singolo, realizzata quasi interamente con plastica Abs, la stessa utilizzata per creare i mattoncini della Lego. Le uniche sue parti metalliche sono il percussore e un altro pezzo che serve per conformarsi alla legge sulle armi da fuoco vigente negli Stati Uniti.
"L'epoca della pistola scaricabile inizia formalmente", si legge sul sito della Defense Distributed. "La sentenza non stravolgerà il mercato delle armi, si tratta soltanto di una conferma della libertà di espressione di cui già gode chiunque distribuisca software open", le parole del fondatore dell'organizzazione, Cody Wilson.

Si accendono le polemiche

La decisione del giudice distrettuale è destinata a fare discutere. Diverse associazioni che si battono contro la diffusione delle armi negli Stati Uniti, infatti, hanno evidenziato l'enorme pericolosità di un'arma da fuoco 'fantasma', ovvero non rilevabile al metal detector. A questo, si aggiunge l'incremento esponenziale della diffusione di stampanti tridimensionali, i cui prezzi stanno iniziando a calare, rendendole dunque più accessibili ad una vasta gamma di possibili acquirenti. Nella sentenza, però, viene sottolineato come queste pistole di plastica Abs non siano da considerarsi 'intrinsecamente militari'. Una connotazione che, secondo il giudice americano, le rende meno pericolose per la popolazione.

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"