Facebook, Zuckerberg: contrasteremo le interferenze nelle elezioni

Tecnologia
mark_zuckerberg_facebook_ansa

Il fondatore del social ha spiegato con un post alcune modifiche che verranno introdotte dalla piattaforma per prevenire intromissioni esterne nelle prossime campagne elettorali. Saranno previste verifiche più stringenti per gli inserzionisti (politici e non)

Mentre Facebook è alle prese con lo scandalo Cambridge Analytica, il fondatore Mark Zuckerberg ha annunciato con un post una serie di importanti novità sulla piattaforma che riguarderanno gli inserzionisti e dovrebbero servire a combattere le interferenze sul social network in vista delle prossime campagne elettorali nel mondo. Il ceo del colosso di Menlo Park ha spiegato che Facebook richiederà verifiche dell’id e della posizione per gli annunci, non solo per quelli relativi alle elezioni come annunciato in precedenza. Inoltre verranno chieste verifiche a coloro che gestiscono pagine Fb con molti followers. Zuckerberg ha aggiunto che agli inserzionisti che non supereranno questo processo di verifica sarà proibito di pubblicare annunci pubblicitari (politici e non).

Il messaggio di Zuckerberg

Zuckerberg ha annunciato l'uso di intelligenza artificiale per evitare che Facebook venga usato per interferire in qualche modo nei processi elettorali attesi per quest’anno. "Con importanti elezioni in arrivo negli Stati Uniti, Messico, Brasile, India, Pakistan e altri Paesi nel prossimo anno, una delle mie massime priorità per il 2018 è quella di sostenere un discorso positivo e prevenire le interferenze nelle elezioni. Dopo aver identificato l'interferenza russa nelle elezioni americane del 2016, abbiamo implementato con successo nuovi strumenti di intelligenza artificiale che durante le elezioni del 2017 in Francia, Germania e Alabama hanno permesso di rimuovere decine di migliaia di account falsi. All’inizio di questa settimana abbiamo bloccato una vasta rete di account falsi russi che includevano un'organizzazione di notizie russa".

Le novità su Facebook

“Oggi stiamo per prendere altri due grandi passi”, ha spiegato Zuckerberg annunciando che d'ora in poi, tutti gli inserzionisti che desiderano pubblicare annunci dovranno essere verificati confermando la loro identità e posizione. Chi non lo farà non potrà pubblicare annunci, politici e non. “Per una maggiore trasparenza degli annunci politici, abbiamo anche creato uno strumento che consente a chiunque di vedere tutti gli annunci di una pagina in esecuzione”, prosegue il ceo di Fb. “Stiamo anche creando un archivio di annunci politici passati. In secondo luogo, richiederemo anche la verifica a persone che gestiscono pagine di grandi dimensioni. Ciò renderà molto più difficile per le persone creare pagine utilizzando account falsi, o per crescere in modo virale e diffondere disinformazione o contenuti divisivi in ​​questo modo”.

Previste nuove assunzioni 

“Per permettere la verifica di tutte queste pagine e inserzionisti, assumeremo migliaia di persone in più”, promette Zuckerberg. “Ci impegniamo a farlo in tempo per i mesi critici prima delle elezioni del 2018. Questi passaggi da soli non impediranno a tutte le persone di provare a interferire, ma renderà molto più difficile per chiunque fare ciò che i russi hanno fatto durante le elezioni del 2016 e utilizzare account e pagine falsi per pubblicare annunci pubblicitari”.

Tecnologia: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.