Nba, Irving fuori dai Brooklyn Nets perché non si vaccina: "Ho fatto la scelta giusta"

Sport
©Getty

Ma il playmaker respinge anche l'etichetta di paladino degli anti-vax: "Io sono un giocatore di pallacanestro, giusto?"

"Nessuno dovrebbe essere costretto a fare qualcosa che non vuole al proprio corpo: ne abbiamo solamente uno". Inizia così la diretta Instagram di Kyrie Irving, giocatore dei Brooklyn Nets, che ha deciso di raccontare ai suoi followers la scelta di non vaccinarsi. La decisione gli è costata la sospensione da parte della sua franchigia Nba: "Questa è la mia vita, posso fare quello che voglio e nessuno può dirmi che cosa devo o non devo farci. Il mio obiettivo non era essere dipinto come un eroe, come un cattivo o come uno che va contro gli obblighi vaccinali".

Promesse tradite

Lo statunitense prosegue: "Mi era stato promesso che ci sarebbero state delle esenzioni e che non sarei stato costretto a vaccinarmi. L'obbligo vaccinale non era una cosa che avevo previsto e per la quale ho potuto strategicamente decidere quello che sarebbe stato meglio per me e la mia famiglia. Ho scelto di non vaccinarmi, e chiederei a tutti di rispettare la mia scelta. Rimarrò in forma, pronto a giocare e a riunirmi ai miei compagni per essere parte di qualcosa di grande. La mia non è una decisione politica, non riguarda la Nba o nessuna altra organizzazione. Riguarda la mia vita e quello che scelgo di fare".

Kyrie Irving, playmaker dei Brooklyn Nets
Kyrie Irving, playmaker dei Brooklyn Nets. - ©Getty

Solo un giocatore

Ma attenzione a chiamarlo paladino degli anti Vax: "Io sono un giocatore di pallacanestro, giusto? Eppure sono stato utilizzato come un esempio. Per qualche strano motivo alla gente piace buttare dentro il mio nome in un sacco di str… Io non sono contro i vaccini, non è una questione di schierarsi né da una parte né dall'altra. Il punto è fare quello che sento sia giusto per me. Se avete deciso di vaccinarvi, io vi sostengo. Se avete deciso di non farlo, io vi sostengo. Sono ancora incerto su molte cose, e va bene. Se devo essere demonizzato per avere delle domande a cui trovare risposte e prendermi il mio tempo per prendere una decisione sulla mia vita, va bene. È una cosa su cui devo riflettere, ma so quali sono le conseguenze delle decisioni che prendo".

Conseguenze

Irving non potrà scendere in campo con i suoi compagni di squadra, inoltre potrebbe perdere il suo stipendio da 16 milioni di dollari oltre all'estensione di contratto da 181 che i Nets, secondo le ultime voci, non sarebbero più disposti a offrirgli: "Mi dicono che perderò un sacco di soldi per questa storia. E quindi? Non è sempre tutto legato ai soldi. È fare quello che è meglio per te. Pensate davvero che io voglia perdere dei soldi? Pensate che io voglia lasciar perdere il mio sogno di inseguire un titolo? Che voglio perdere il mio lavoro, o che voglio stare a casa senza poter andare con i miei compagni di squadra alla ricerca di quello che vogliamo? Il basket è il mio sogno e quello su cui lavoro da quando andavo alle elementari. Pensate che voglia perdere ciò che mi dà da vivere per via di un obbligo? Perché non voglio trovare un accordo? Perché non sono vaccinato? Andiamo. Non verrò usato come una marionetta in questa storia", ha concluso.

Sport: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Non perderti le tue notizie locali

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.