Brasile, Ronaldinho torna libero dopo 5 mesi agli arresti in Paraguay

Sport

L'ex stella di Barcellona e Milan era accusato col fratello Roberto de Assis di falsificazione di passaporti

L'ex star del calcio brasiliano Ronaldinho è stata rilasciata dopo cinque mesi agli arresti in Paraguay, prima in carcere e poi ai domiciliari. L'ex attaccante del Brasile campione del mondo nel 2002 era accusato di avere falsificato un passaporto. Anche il fratello Roberto de Assis Moreira è ora libero dopo un mese in carcere e altri quattro mesi agli arresti domiciliari in un hotel nella capitale del Paraguay Asuncion con la stessa accusa. 

In Paraguay per un evento benefico

leggi anche

Ronaldinho compie 40 anni

Ronaldinho e il fratello, suo procuratore, erano arrivati in Paraguay nel mese di marzo per presentare un programma gratuito di assistenza sanitaria per i bambini poveri, ma al loro ingresso nel Paese i loro passaporti paraguaiani si erano rivelati falsi. I documenti, con le matricole di due donne paraguaiene, erano stati forniti da un uomo d'affari brasiliano, anche lui arrestato, che aveva riversato le accuse su un'altra imprenditrice, la paraguaiana Dalia Lopez. "Pensavamo fossero un regalo per riconoscenza", avevano spiegato l'ex giocatore e il fratello.

Sport: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.