Claudio Marchisio si ritira: oggi l'annuncio all'Allianz Stadium

Sport

Simbolo della rinascita dei bianconeri dopo lo scandalo "Calciopoli", il Principino ha vestito la maglia bianconera per 269 volte, prima del trasferimento allo Zenit San Pietroburgo

L'addio sarà oggi, 3 ottobre: Claudio Marchisio annuncerà con ogni probabilità il suo ritiro dal calcio giocato. Lo farà da quella che per anni è stata la sua casa: l'Allianz Stadium di Torino. Il centrocampista, cresciuto e affermatosi nella Juventus, ha infatti indetto una conferenza stampa alle ore 15. La sala scelta è la "Gianni e Umberto Agnelli", la stessa che negli scorsi anni ha ospitato le presentazioni di Cristiano Ronaldo e Maurizio Sarri e che, per una volta, diventerà invece il palcoscenico di un addio.

Una vita in bianconero

Se si esclude una breve parentesi all'Empoli nella stagione 2007-08 e l'ultima stagione allo Zenit di San Pietroburgo, Claudio Marchisio ha sempre vestito una sola maglia, quella bianconera, dalle giovanili sino alla prima squadra. È stato il simbolo del nuovo ciclo Juventus, nonché uno dei centrocampisti più forti della sua generazione. Entrato nell'orbita della prima squadra nel 2005, viene aggregato stabilmente soltanto nella stagione 2006-07, durante la quale i bianconeri disputano la Serie B. Ottiene la promozione e si afferma anche in massima serie, nonostante i due settimi posti consecutivi raccolti dalla Vecchia Signora nelle stagioni 2009/10 e 2010/11. Questi anni gli valgono il soprannome di "principino" per l'eleganza che lo contraddistingue sia dentro sia fuori dal campo. I primi successi arrivano nel 2012 con lo Scudetto e la Supercoppa italiana. Negli anni successivi vincerà altri sei scudetti, due Supercoppe e 4 Coppe Italia. In carriera vanta anche 55 partite in nazionale, impreziosite da 5 gol.

Una scelta obbligata

Nel 2018, a 33 anni, lascia Torino per andare a giocare in Russia con la maglia dello Zenit San Pietroburgo. A livello personale la stagione non va nel migliore dei modi, le difficoltà d'ambientamento e un infortunio al menisco lo tengono spesso lontano dai giochi, ma a fine stagione riesce comunque a fregiarsi della vittoria del campionato russo. Nonostante la vittoria al termine della stagione rescinde il suo contratto. In diversi lo hanno cercato durante l'estate e oltre, dal Brescia di Cellino alla Cina, ma lui ha preferito chiudere la carriera a 33 anni. Una scelta forzata, causata dai tanti problemi fisici. Domani, probabilmente, l'ultimo capitolo della sua storia da calciatore, neanche a dirlo all'Allianz Stadium.

 

Sport: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Non perderti le tue notizie locali

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.