Aspettando Best Bakery, cosa è successo nella puntata 4

TV Show sky uno

Dopo due episodi e 6 pasticcerie analizzate a Firenze, i giudici Alessandro Servida e Andreas Acherer sono tornati nel capoluogo toscano per scoprire altre 6 pasticcerie. La Bottega di pasticceria, detentrice del titolo di best bakery di Firenze per due episodi, ha dovuto cederlo alla pasticceria Tuttobene, che rappresenterà Firenze alla finalissima nazionale insieme alle migliori pasticcerie delle altre zone protagoniste del programma. L’appuntamento con Best Bakery è tutti i martedì con un doppio episodio alle 21.15 su Sky Uno (canale 108) e su digitale terrestre al canale 455.

Best Bakery: vai allo Speciale

Si è conclusa l’analisi delle pasticcerie di Firenze da parte dei giudici di Best Bakery Alessandro Servida e Andreas Acherer. Nel capoluogo toscano i due grandi pasticceri hanno assaggiato i dolci delle 12 pasticcerie in gara, individuando la migliore nella pasticceria Tuttobene, che si trova nella zona industriale di Campi Bisenzio ed è un poliedrico locale che propone un’ampia offerta di prodotti tradizionali, rivisti in chiave moderna. Tuttobene detiene il titolo di best bakery di Firenze e rappresenterà la città alla finalissima nazionale. L’appuntamento con Best Bakery è tutti i martedì con un doppio episodio alle 21.15 su Sky Uno (canale 108) e su digitale terrestre al canale 455.

Primo episodio

Nel primo episodio della quarta puntata di Best Bakery, ambientata a Firenze, si sono affrontate tre pasticcerie che ripropongono le antiche ricette dei dolci fiorentini, di cui custodiscono gelosamente i segreti.

I giudici hanno iniziato la loro esplorazione partendo dalla prova sulla prima impressione, ovvero la valutazione dei dolci che trovano e assaggiano in pasticceria, del locale e dell’accoglienza ricevuta. La prima ad entrare in scena è stata la pasticceria Il cantuccio di San Lorenzo, dove i giudici hanno assaggiato la torta Il bacione di Firenze, una base di pasta frolla al cacao con crema di cioccolato gianduia e fondente e granella di nocciole e il Pan forte con le spezie. È stata poi la volta della pasticceria Blasio, dove i giudici hanno scelto di assaggiare un pasticcino formato da un biscotto al cioccolato con bavarese allo yogurt, cocco, lampone e ribes e una bignolina alle nocciole. Infine, è arrivato il momento di I dolci di Massimo, dove i giudici hanno assaggiato la torta della nonna e una mignon alla cheesecake con i lamponi.

Dopo la prima prova è stato il momento per i concorrenti di preparare le proprie specialità. Il cantuccio di San Lorenzo ha preparato il cantuccio alla mandorla, quello tradizionale per eccellenza, che però è morbido a differenza dell’originale che è duro, mentre Blasio ha presentato la torta Fedora, un dolce tipico fiorentino, fatto con uno strato sottile di pasta sfoglia caramellata, crema chantilly, liquore alle erbe, panna e una foglia sottile di cioccolato. I dolci di Massimo, invece, ha preparato il Semolino, una torta molto semplice, una ricetta toscana perfezionata da questa pasticceria.

Dopo questa seconda prova la classifica parziale si è rivelata essere: al primo posto I dolci di Massimo con 31 punti, al secondo posto Blasio con 30 punti e al terzo posto Il cantuccio di San Lorenzo con 29 punti.

È poi arrivato il momento del dolce della sfida, prova in cui i concorrenti hanno dovuto creare dei dolci che avessero come protagonista il Chianti. Il cantuccio di San Lorenzo ha creato una torta della nonna con una crema pasticcera al vino con all’interno l’uvetta, Blasio una torta composta da una bavarese al vino con pan di Spagna al cioccolato e una bavarese al lime, glassata con una gelatina con all’interno il vino e guarnita con panna montata, su crumble di frolla. Infine, I dolci di Massimo ha creato un clafoutis con le pere cotte nel vino con una riduzione di Chianti.

Alla fine della prova, il punteggio assegnato dai giudici per i dolci con protagonista il Chianti, sommato ai voti precedenti ha visto arrivare al primo posto la pasticceria Blasio, che ha totalizzato 43 punti, mentre Il cantuccio di San Lorenzo e I dolci di Massimo si sono divisi il secondo posto con 42 punti. Il punteggio totalizzato dalla pasticceria Blasio non è bastato per superare quello della Bottega di pasticceria, best bakery di Firenze in carica, che era di 46 punti, che ha quindi mantenuto il titolo.

Secondo episodio

Nel secondo episodio è stata la volta di tre pasticcerie che rappresentano l’anima più moderna della pasticceria fiorentina.

Come sempre, i giudici hanno iniziato con la prova sulla prima impressione partendo dalla pasticceria Tuttobene, dove i giudici hanno assaggiato una brioche al cioccolato chiamata coroncina e un bignè allo zabaione. È stata poi la volta della pasticceria Barbera, dove Alessandro Servida e Andreas Acherer hanno assaggiato una mignon formata da pasta frolla, caramello alla vaniglia, mousse al caramello e glassa al caramello e una monoporzione esotica alla piña colada. Infine, i giudici si sono recati alla Ghibellina bakery dove hanno assaggiato un cupcake al pecorino con una glassa di aceto balsamico e una tortina con ricotta, miele, fiori eduli e lampone inzuppato al miele.

Le pasticcerie hanno ricevuto dei voti per le loro creazioni, ma anche per la bellezza del locale e per l’accoglienza riservata ai due giudici.

È stata poi la volta della prova dedicata alle specialità di ogni pasticceria. Tuttobene ha preparato una torta moderna, con una mousse con cioccolato al 60% fondente e un cremoso al pistacchio all’interno, Barbera ha proposto il dolce al fieno, mentre Ghibellina bakery ha presentato la cheesecake fiorentina, in cui sono state unite le loro due più antiche ricette, ovvero il pan di ramerino (che significa rosmarino) e i cantucci.

A questo punto della sfida la classifica provvisoria era: al primo posto Tuttobene con 32 punti, al secondo posto Barbera con 27 punti e al terzo posto Ghibellina bakery con 23 punti.

L’ultima prova è stata quella riguardante il dolce della sfida, per cui l’ingrediente segreto è stato la salvia. Tuttobene ha preparato una torta composta da una base di frolla crumble, una panna cotta con all’interno la salvia, una crema al limone e una gelée ai frutti di bosco. Barbera ha fatto una torta composta da un biscotto morbido alle nocciole, una ganache montata alla salvia, un crumble alla salvia, una gelée al limone, una glassa al pistacchio e foglie di salvia caramellate in forno. Infine, Ghibellina bakery ha presentato una torta composta da un sablé alla base, lemon curd, una crema al burro alla salvia e una cake con la bagna alla salvia.

Dopo aver assaggiato le torte delle tre pasticcerie in gara i giudici hanno assegnato i loro voti, che sommati a quelli ricevuti nelle prove precedenti hanno determinato la classifica finale: al primo posto la pasticceria Tuttobene con 49 punti, al secondo posto Barbera con 38 punti e al terzo posto Ghibellina bakery con 32 punti.

Il punteggio della pasticceria vincitrice ha superato i 46 punti della Bottega di pasticceria, che deteneva il titolo di best bakery di Firenze e che ha quindi dovuto cederlo a Tuttobene.

Spettacolo: Per te