Westworld 2, donne (finalmente) al potere

Inserire immagine

Dolores e Maeve, le due androidi interpretate da Evan Rachel Wood e Thandie Newton in Westworld (in onda con la seconda stagione ogni lunedì alle 03.00 in versione originale sottotitolata e alle 21.15 in versione doppiata, hanno un ruolo fondamentale. Ecco come condurranno il gioco: continua a leggere e scopri di più

Westworld, scopri lo speciale sulla serie

I veri protagonisti di Westworld? Non sono le figure maschili. All'interno della serie HBO le donne hanno sempre avuto un ruolo centrale. Ma nella seconda stagione, trasmessa ogni lunedì alle 21.15 su Sky Atlantic, sono le donne-robot le vere protagoniste, capovolgendo gli stereotipi per lungo tempo legati alla figura femminile.

Il femminismo di Westworld
Quello targato HBO è uno degli show tv più femministi di sempre: in Westworld, in particolare nella seconda stagione, vengono sovvertiti i tradizionali ruoli di uomo e donna, dando proprio alle seconde una posizione importante all’interno del parco, sia nella sfera degli host, sia all’interno dell’organizzazione della Delos. Insomma, Westworld prende il più classico degli scenari maschilisti, come quello dell’aitante cowboy in sella ad un cavallo e con la pistola fumante che va in aiuto di una indifesa fanciulla, e lo ribalta, portando le donne a prendere in mano il controllo della situazione, come si può vedere alla fine della prima stagione di Westworld e nei nuovi episodi in onda su Sky Atlantic. “Westworld - dice la sceneggiatrice Lisa Joy - è una meditazione sulle donne”.


Le donne di Westworld

A ben guardare, all’interno della serie tv le donne sono continuamente vittime di soprusi e violenze fisiche e sessuali, tuttavia tutto gira intorno a loro e certe scene drammatiche risultano necessarie al fine della narrazione, perché fomentano il desiderio di rivolta dei robot. Prendiamo Dolores e Maeve, interpretate da Evan Rachel Wood e dalla collega Thandie Newton: secondo i piani della Delos, le due robot dotate di intelligenza artificiale dovrebbero dimenticare ogni esperienza vissuta con gli ospiti, ma a poco a poco le due iniziano a mantenere in memoria alcuni ricordi traumatici degli eventi, capendo di essere manipolate. Gli uomini del cast, da Anthony Hopkins a Jefrey Wright (Bernard), passando per Ed Harris (l’Uomo Nero) sono semplicemente dei personaggi collaterali che servono alle due eroine per portare avanti la loro missione.



La Wood guida la rivolta
Nella seconda stagione di Westworld, Dolores va a caccia di vendetta. Al suo fianco troviamo il fedele Teddy, mentre lei – determinata e spietata – semina terrore all’interno del parco tematico guidando una sanguinosa rivolta degli host, decisa a conquistare tutto ciò che si trova oltre il mondo creato dal Dottor Ford. Più nobile, invece, l’obiettivo di Maeve che durante la seconda stagione avrà come unico obiettivo quello di ritrovare la figlia dispersa nel fantastico mondo di Westworld. È proprio la Newton, parlando di come Jonathan Nolan e Lisa Joy, creatori dello show, le hanno rpesentato Westworld, a sottolineare come il ruolo delle donne sia potente: “Hanno descritto molto eloquentemente la visione dello spettacolo. Stavano per sovvertire temi incredibilmente intensi e importanti su come le donne sono rappresentate nella cultura pop”.

RISPONDI AL NOSTRO QUIZ