The New Pope, il cast: Ludivine Sagnier è Esther Aubry

Su Sky Atlantic è in arrivo The New Pope  (l'appuntamento è per venerdì 10 gennaio alle 21.15), e tra i personaggi che rivedremo c'è anche Esther Aubry , la devotissima fan numero uno di Lenny Belardo (più o meno!), interpretata da Ludivine Sagnier. Guarda il video e scopri di più. - The New Pope, il trailer della serie tv. VIDEO

The New Pope, torna Jude Law: le immagini del trailer sul seguito di The Young Pope

The New Pope, Ludivine Sagnier è Esther Aubry

Una donna completamente persa senza la sua guida spirituale, che è anche la guida della Chiesa: Esther all'inizio di The New Pope è in attesa di un miracolo, e quel miracolo è ovviamente il risveglio di Lenny Belardo.

Dalle parole della sua interprete, Ludivine Sagnier, scopriamo che Esther, dopo essere stata lasciata dal marito e dopo essere rimasta senza più punti di riferimento, ha abbandonato il Vaticano a causa della forte delusione. La sua fede in Dio e in Pio XIII, che per lei è un santo, è però incrollabile.

"Per me il percorso di Esther è un calvario, perché deve affrontare moltissimo dolore, moltissime umiliazioni, tradimenti, solitudine... Tutti quelli di cui pensava di potersi fidare la tradiscono, e c'è un momento in cui dice 'Mi avete abbandonato tutti, perfino tu Lenny...'" Ma è veramente così? Secondo Sagnier è vero esattamente il contrario, è Esther ad aver abbandonato la realtà, una sorta di "punizione" per la sua ingenuità, e ora fa fatica a distinguere tra ciò che è reale e ciò che è fantasia.

L'attrice parla poi di un certo Fabiano, un nuovo personaggio, un uomo che Esther conosce attraverso il parroco Don Mario. Si tratta di un uomo speciale, misterioso, che ha un po' l'aspetto di un angelo, un uomo che ha appena perso la moglie e che è srimasto solo con un figlio, così Esther crede che questa solitudine condivisa possa in qualche modo unirli. Sarà così?

Ciò che è certo, come ben spiega Sagnier, è che Esther in un certo senso è "dipendende dalla fede": ha bisogno di credere in qualcuno o qualcosa, che sia Dio, il Papa o i suoi miracoli, e nonostante il mondo le sia crollato addosso deve continuare a credere in qualcosa. Così finisce per credere nelle cose peggiori...

L'appuntamento con The New Pope è ogni venerdì alle 21.15 su Sky Atlantic a partire dal 10 gennaio 2020.

The New Pope, il teaser trailer con Jude Law in costume fotogramma per fotogramma

The New Pope, cosa dobbiamo aspettarci

Pio XIII è in coma, e il Vaticano rischia di andare alla deriva. A mantenere l'ordine e a far funzionare le cose in mancanza di un pontefice è il Segretario di Stato, il Cardinal Voiello, che dopo una parentesi tanto imprevedibile quanto misteriosa riesce nell'impresa di far salire al soglio pontificio Sir John Brennox, un aristocratico inglese moderato, affascinante e sofisticato che prenderà il nome di Giovanni Paolo III. Dopo le bizzarrie del giovane Papa, quello nuovo sembra semplicemente perfetto, ma in realtà anche lui cela una particolare fragilità e dei segreti. 

Essere il successore del carismatico Pio XIII e prendere il suo posto nel cuore della gente non sarà un'impresa facile, e questo Sir John lo capisce subito. Come se non bastasse, Lenny, sospeso tra la vita e la morte, è diventato un santo, e a venerarlo e idolatrarlo ci sono migliaia e migliaia di fedeli, cosa che non fa altro che alimentare i contrasti tra i già esistenti fondamentalismi. La Chiesa, intanto, si ritrova al centro di alcuni scandali interni che rischiano di stravolgere in maniera irreversibile le alte gerarchie. Come se non bastasse, non mancano le minacce esterne che colpiscono i simboli della cristianità.

Come al solito, però, in Vaticano niente è come sembra, e il Bene e il Male, ammesso e non concesso che riesca a capire cosa o chi siano precisamente, vanno a braccetto incontro alla Storia. La resa dei conti, però, è sempre più vicina, ma per arrivare alla redde rationem bisognerà lasciare che gli eventi facciano il loro corso...