Il Trono di Spade: una settimana da Jojen Reed

Inserire immagine

Mentre su Sky Atlantic ogni giovedì sera alle 21.15 sono in onda le repliche di tutte le stagioni de Il Trono di Spade   andate in onda finora, e mentre cresce l’attesa per l'ottava, in arrivo entro la prima metà del 2019  , ecco un nuovo appuntamento con la rubrica “Una settimana da… ”. Dopo “Una settimana da Ser Barristan ” è ora il turno di un personaggio piuttosto misterioso, Jojen Reed , compagno di viaggio e guida di Bran Stark nelle prime stagioni della serie. Cosa fareste se vi risvegliaste improvvisamente nei panni del giovane veggente (interpretato da Thomas Brodie-Sangster)? Continua a leggere e scopri di più

Il Trono di Spade, scopri lo speciale sulla serie

In attesa dell’ottava e ultima stagione, in onda entro la prima metà del 2019 , dunque tra tanto, TROPPO tempo, continuano le repliche de Il Trono di Spade  ogni giovedì alle 21.15 su Sky Atlantic, e continuano gli appuntamenti con la rubrica “Una settimana da…”. Dopo “Una settimana da Ser Barristan ” è ora il turno di un personaggio piuttosto misterioso, Jojen Reed , compagno di viaggio e guida di Bran Stark nelle prime stagioni della serie. Cosa fareste se vi risvegliaste improvvisamente nei panni del giovane veggente (interpretato da Thomas Brodie-Sangster)?

Jojen Reed, un veggente per amico

Non c'è più nessun posto che sia sicuro ormai. Lo sai.

Figlio di Lord Howland Reed - amico di vecchia data di Ned Stark, presente alla battaglia presso la Torre della Gioia durante la fase finale della Ribellione di Robert Baratheon -, fratello della coraggiosa Meera, nonché erede della sua casata, il giovane Jojen è un personaggio che nella serie tv non spicca molto, ma che è comunque interessante. Soprattutto, è il personaggio che segna una svolta decisiva per Bran: è proprio Jojen, che ha il dono della Vista Verde, a dirigerlo sulla via tracciata per lui. Ma andiamo con ordine.

Conosciamo Jojen nel secondo episodio della terza stagione. Bran, Rickon, Osha, Hodor, Estate e Cagnaccio sono in fuga dopo che Grande Inverno è stata assediata da Theon Greyjoy e un manipolo di uomini delle Isole di Ferro. Inizialmente Jojen si mostra a Bran in sogno, ma poi, insieme a sua sorella, lo raggiunge mentre è da solo. Osha prontamente arriva e lo minaccia, deve difendere il suo giovane Lord, ma interviene subito Meera. Insomma, un primo incontro piuttosto ansiogeno! Jojen si presenta come figlio di Lord Howland Reed, amico fedele di Lord Eddard: di lui e di sua sorella ci si può fidare.

E' lui che spiega a Bran che è un metamorfo. In comune i due hanno il potere della Vista Verde (Greensight in originale): entrambi sono Oltre Vedenti. Il potere di Jojen si manifesta all'improvviso, peraltro causandogli dei forti spasmi, e la prima visione che il ragazzo ha è chiara: Jon Snow, oltre la Barriera, circondato da nemici. C'è dunque la possibilità che Bran non sia al sicuro neanche a Castello Nero, dunque bisogna pensare a un piano B. Il gruppo si rifugia in un insediamento abbandonato. Lì, succede qualcosa: tramite Estate, Bran vede Jon che combatte contro un gruppetto di Bruti.

Nonostante abbia visto il fratellastro, Bran, che in precedenza nei suoi sogni/visioni ha visto il Corvo con Tre Occhi e che è intenzionato a tutti i costi a trovarlo, decide che bisogna andare oltre la Barriera. E' lì che troveranno ciò che cercano. E' lì che devono recarsi se vogliono avere una chance di contrastare la più grande minaccia per Westeros: gli Estranei.

Rickon viene lasciato con Osha, che dovrà portarlo al sicuro dagli Umber, mentre Bran, Jojen, Meera e Hodor proseguono. Grazie all'incontro fortuito con Sam Tarly, riescono ad andare finalmente al di là della Barriera. Ora sono soli.

Jojen, che ovviamente sa cosa prova Bran, gli dice di stare attento, e di non usare troppo spesso Estate per muoversi: potrebbe rimanere intrappolato. Raggiunto un Albero Diga, Bran lo tocca, e lì vede un altro Albero Diga in mezzo ai ghiacci: ecco dove sono diretti. Ecco dove troveranno il Corvo con Tre Occhi.

Dopo essere riusciti a scappare dai Guardiani ammutinati presso il Castello di Craster grazie all'arrivo di Jon Snow, Jojen, che sa benissimo quanto è alta la posta in gioco perché ha visto il futuro, si trova costretto a impedire a Bran di vedere il fratellastro: non possono correre il rischio che Jon li riporti indietro, devono per forza proseguire.

Finalmente il gruppo raggiunge l'Albero Diga visto da Bran, ma viene attaccato da un'orda di Ombre Bianche. Jojen viene afferrato da un non-morto, ma inizialmente Meera riesce a proteggerlo. Purtroppo i non-morti sono troppo numerosi, e uno di essi alla fine riesce a pugnalare ripetutamente il giovane veggente.

Prima di morire, Jojen riesce a vedere Foglia, uno dei Figli della Foresta, e a dire a sua sorella di andare con Bran e di proteggerlo. Per evitare il suo ritorno come non-morto, il corpo di Jojen viene distrutto da una palla di fuoco scagliata da Foglia. Una volta al sicuro nella caverna, il Corvo con Tre Occhi rivela a Bran e a Meera un'amara verità: Jojen sapeva benissimo che oltre la Barriera avrebbe trovato la morte. L'aveva visto in una delle sue visioni.

 

Quali sarebbero dunque i pro e i contro di una settimana da Jojen Reed?

Pro:

Un pro, che però potrebbe tranquillamente essere anche un contro, è ovviamente il dono della Vista Verde. Bello sapere in anticipo cosa accadrà, arrivare preparati è sempre meglio che arrivare impreparati, ma CHE ANSIA! Tra gli altri punti a favore dell'essere Jojen Reed ci sono il fatto di essere il figlio di Howland Reed, uno dei migliori amici del compianto Ned Stark, che, come sappiamo bene, non era uno che si circondava di brutte persone, tutt'altro. L'ultimo pro: avreste Meera come guardia del corpo. E' vero, purtroppo neanche lei è stata in grado di proteggervi oltre la Barriera, ma ha comunque fatto tutto ciò che era in suo potere per farvi arrivare fin lì. Non potrebbe esserci sorella migliore.

Contro:

Un contro molto evidente sono gli effetti collaterali delle visioni: forti tremori, spasmi, praticamente degli attacchi epilettici. Poi, come scritto sopra, c'è il fatto di conoscere il futuro: vogliamo veramente conoscere il futuro? Per esempio, volete veramente sapere come e quando morirete?

Fate attenzione a:

Ovviamente fate attenzione alle Ombre Bianche! Maledetti non-morti!