I 90 anni di William Shatner, il capitano Kirk di Star Trek

Serie TV

Canadese, attore di teatro, cinema e televisione e anche musicista: chi è l'uomo che ha interpretato uno dei personaggi più famosi della storia della tv, nato il 22 marzo 1931

Data da cerchiare in rosso sul calendario per tutti gli appassionati di fantascienza: compie oggi 90 anni William Shatner, il leggendario capitano James T. Kirk che comandava la navicella spaziale Enterprise di Star Trek

approfondimento

Star Trek, i protagonisti della serie cult ieri e oggi. FOTO

Nato a Montréal il 22 marzo 1931, dopo un inizio di carriera sul grande schermo, in cui compare in pellicole importanti come Karamazov (1958) di Richard Brooks e Vincitori e vinti (1961) di Stanley Kramer, ottiene il grande successo di pubblico venendo scelto dal produttore Gene Roddenberry come protagonista di Star Trek, ruolo che continuerà a rivestire per decenni negli innumerevoli sequel (anche cinematografici), alcuni dei quali anche diretti da lui come Star Trek V – L'ultima frontiera, datato 1989. Negli anni '80 ha guadagnato ulteriore notorietà come protagonista della serie poliziesca T.J. Hooker, mentre vent'anni dopo sono arrivati anche importanti riconoscimenti artistici come l'Emmy e il Golden Globe vinto come miglior attore non protagonista della serie Boston Legal.

approfondimento

Patrick Stewart, il Jean-Luc Picard di Star Trek compie 80 anni. FOTO

Shatner è uno degli attori canadesi più importanti di sempre, e la popolarità del suo capitano Kirk ha valicato i confini imponendosi come uno dei personaggi più “iconici” della storia della tv. Non solo per meriti fantascientifici: il suo bacio all'attrice Nichelle Nichols, andato in onda sulla NBC il 22 novembre 1968, fu il primo tra un uomo bianco e una donna di colore nella storia della tv americana. Il successo di Star Trek fu a scoppio ritardato, tanto che originariamente la NBC aveva cancellato la serie dopo tre stagioni a causa degli scarsi ascolti: ripescata nel decennio successivo e diventata oggetto di culto, allungò considerevolmente la carriera di Shatner, prestandosi volentieri anche a una lunga serie di parodie come quella nel secondo capitolo de L'aereo più pazzo del mondo nel 1982. Parallelamente alla sua carriera da attore, Shatner, a cui oggi è intitolata una delle stelle della celeberrima Walk of Fame a Hollywood, ne ha anche sviluppata una da cantante nella particolare modalità spoken word, ovvero recitando su base musicale monologhi teatrali o nel suo caso anche testi musicali come Lucy in the Sky with Diamonds dei Beatles o Mr. Tambourine Man di Bob Dylan.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.