Billions 5, la recensione del secondo episodio, "Il test di Chris Rock"

Serie TV sky atlantic

Linda Avolio

Leggi la recensione del secondo episodio di Billions 5, "Il test di Chris Rock." La nuova stagione della serie tv targata Showtime è in onda su Sky Atlantic il mercoledì sera alle 21.15 (disponibile anche On Demand e in streaming su NOW TV). - OVVIAMENTE CI SONO SPOILER PER CHI NON HA ANCORA VISTO L'EPISODIO

Billions 5, riassunto e commento del secondo episodio

Mostri, benefattori, padri decisamente non modello, passeggeri oscuri e nuove alleanze: il secondo episodio di Billions 5 mette veramente tanta carne al fuoco e pone le basi per quanto vedremo da qui in avanti. Tornando ai mostri, la vera domanda che bisognerebbe farsi è: chi è peggio? Chi si dichiara apertamente tale, cosa che fa il “mostro carnivoro” Axe durante l’incontro annuale organizzato da Prince, o chi pensa di poter tenere a bada certi lati oscuri del proprio carattere utilizzando una sorta di “codice d’onore,” cosa che invece fa Chuck, intenzionato a indirizzare il buio dentro di sé per uno scopo più nobile? Agli spettatori l’ardua sentenza, ma secondo noi sono abbastanza ripugnanti entrambi!

approfondimento

Billions 5, la recensione del primo episodio, "I nuovi deca"

Sul ring dello show targato Showtime in un angolo troviamo il personaggio di Paul Giamatti, che, dopo aver iniziato a leggere Darkly Dreaming Dexter (ndr, in italiano La mano sinistra di Dio, il primo volume della saga letteraria da cui è stata poi tratta la serie tv con Michael C. Hall, ovviamente Showtime) non solo ha capito di avere anche lui un “passeggero oscuro,” ma ha anche deciso che lo terrà a bada proprio come ha fatto Dexter Morgan, utilizzando per l’appunto una sorta di codice di comportamento. Ad aiutarlo a rimanere sulla retta via ci penserà la fidata e pragmatica Kate, ma intanto un po’ di terapia male non fa, e infatti vediamo Rhoades nello studio di uno psicologo (o uno psichiatra?) interpretato dal compianto Mark Blum, tristemente deceduto il 25 marzo a causa di complicanze dovute al Covid-19.

 

Tornando a Chuck, verrebbe da dire che di buone intenzioni è lastricata la via per l’inferno. Dopo la mossa del Governatore Bob Sweeney - che, senza tanti complimenti dichiara il caso relativo alla fabbrica illegale di criptovalute fuori dalla sua giurisdizione, consegnandolo di fatto alla combattiva Mary Ann Gramm, il Procuratore Distrettuale di Manhattan -, Rhoades desidera ancora più ardentemente trovare il modo per mettere Axe dietro le sbarre una volta per tutte. Una mossa del genere risveglia ovviamente il suo Passeggero Oscuro, come confessa a Kate, un po’ divertita e un po’ scocciata da questa nuova fissa del suo capo. 

approfondimento

Billions 5, il cast e i personaggi della serie tv. FOTO

Ed è subito complotto, per la precisione ai danni, più o meno, del giudice Adam DeGiulio, vecchio amico del personaggio di Giamatti. In breve, DeGiulio rischia di trovarsi nei guai a causa dell’improvvisa ricomparsa di un memorandum da lui firmato in cui si parla di waterboarding. Una vera e propria spada di Damocle, anche perché l’ambizioso giudice aspira alla Corte Suprema. Ovviamente è Chuck a sistemare le cose, e diciamo ovviamente non solo per il ruolo che ricopre, ma anche, soprattutto, perché è stato proprio lui a far ricomparire il suddetto memo. Favore chiama favore, dunque, quando DeGiulio tra non molto si ritroverà a ricoprire la sua prossima carica, tornerà utile avere un alleato. Rhoades, infatti, ha intenzione di portare il suo arcinemico di fronte alla Corte Suprema.

 

Arcinemico che si trova all’angolo opposto del ring immaginario su cui sta avendo luogo questo scontro. Axe, però in questo momento si trova immerso nella natura presso il lussuoso hotel Mohonk Mountain House, sede dell’incontro annuale per nomi grossi della finanza organizzato da Michael Prince, il The Mike (molto umile come scelta, non c’è che dire!). Con Wags e Taylor al suo fianco, il personaggio di Damian Lewis è pronto a passare all’attacco. Sì, perché ovviamente non si trova lì per piacere, ma per lavoro, precisamente per convincere un futuro membro della F.D.A. (la Food and Drug Administration, l'ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici) a sostenere il suo nuovo piano, cioè distribuire a livello mondiale l’ayahuasca, facendo approvare ufficialmente la sostanza, che diventerebbe così a tutti gli effetti un medicinale. Per la precisione, un medicinale quotato in borsa.

approfondimento

Billions 5, dove e quando vedere la nuova stagione in italiano

Ma andiamo dunque al momento più “mostruoso” di questo episodio, cioè la chiacchierata davanti al caminetto tra Bobby e Mike. Il primo che dichiara senza vergogna o rimorso la sua vera natura e che pizzica il suo host dicendogli che può nascondersi quanto vuole dietro quella facciata da bravo ragazzo, ma la sostanza in fondo non cambia; il secondo che non abbocca, ma che, però, non è certo uno sprovveduto solo perché non ama usare lo stile di comunicazione del suo guest.

 

Intanto Wags cerca di lavorarsi il futuro membro della F.D.A. in uno strip club…salvo scoprire che sua figlia Mandi è una delle performer del locale! Il braccio destro di Axe non è e non sarà mai il padre dell’anno, ma la cosa, per dirla con un’espressione alquanto pregnante, lo manda parecchio in sbattimento. Stupendo David Costabile: non abbiamo bisogno di vedere la ragazza in volto, basta la sua espressione! E’ strano vedere Wags in queste condizioni, ma di buono c’è che questa scioccante scoperta forse lo porterà a essere un genitore migliore…o quantomeno a provarci!

 

La sera, a cena nel salone dell’hotel, Bobby e il suo vice sono pronti a celebrare: a quanto pare la cosa dell’ ayahuasca si farà, e la Axe Capital ci guadagnerà parecchi soldi. Ma ecco accadere qualcosa di veramente inaspettato: ecco arrivare lo sciamano Bram Longriver, ospite d’eccezione, nonché grande amico, di Mike Prince. E poiché lo sciamano è parte del contratto…beh, per dirla in breve, a vincere è, di nuovo, il personaggio di Corey Stoll. Per usare le stesse parole di Axe: sì, il suo nuovo rivale gli ha rubato lo sciamano…e anche svariati milioni di dollari!

 

A quel punto, in un momento di delirio, peraltro non causato da qualche mistica pozione, il personaggio di Lewis ha una vera e propria illuminazione: quel mondo è troppo rischioso, e lui è stufo di vivere col fiato della Giustizia e del Caso (e del Caos, aggiungiamo noi) sul collo, dunque è arrivato il momento di fare tutto in casa. E’ arrivato il momento di trasformare la Axe Capital in una banca! Così, quantomeno, Bobby potrà morire nel suo letto, e non in gattabuia. Delle ottime motivazioni, non c’è che dire.

 

Veniamo infine a Taylor, che durante il The Mike ritrova il suo ex, il filantropo Oscar Langstraat. Come ricorderanno i fan della serie, i due non si sono lasciati bene, infatti Oscar non perde occasione per lanciare qualche frecciatina che va a colpire nel posto giusto. Come se non bastasse, pare che Lauren sia stata reclutata da Wendy, che la vorrebbe come responsabile della comunicazione della Axe Capital. Alla faccia del tenere le cose separate! E poi c’è Chuck, che, senza mezzi termini, rivela di essere a conoscenza del fatto che il personaggio di Asia Kate Dillon ha raccontato ogni cosa a Bobby. Rhoades, comunque, non porta rancore nei suoi confronti, però si permette di dare un consiglio spassionato: prima o poi, più prima che poi, Axe farà una classica mossa da Axe e cercherà di mangiarsi ogni cosa. E a quel punto a Taylor non resterà altro da fare che rivolgersi a lui.

 

Resta per ora in stand-by la separazione degli ormai ex coniugi Rhoades, ma, siamo sicuri, la situazione degenererà, perché il personaggio di Paul Giamatti, ferito per l’improvvisa dichiarazione a mezzo stampa, è riuscito a congelare gli asset di quello di Maggie Siff, pregiudicando così la possibilità dell’acquisto di una nuova casa. E meno male che era pronto a cambiare, a evolvere!

 

Di Costabile abbiamo già parlato, dunque lasciateci dire un'ultima cosa: che abbiamo trovato molto divertente la scena in cui Chuck conferma che il waterboarding è tortura, anche se fatto “in forma lieve.” E se lo dice lui, allora possiamo crederci!

Spettacolo: Per te