Succession 2: dopo gli Emmy, ecco la seconda stagione

La serie tv targata HBO, reduce dalla vittoria agli Emmy Awards per la Migliore sceneggiatura per una serie drama, torna con i nuovi episodi, in onda su Sky Atlantic a partire da mercoledì 9 ottobre alle 21.15.

Tutte le news su Succession Emmy Awards 2019: le foto dei vincitori

Già la prima stagione di Succession, serie tv targata HBO prodotta dal premio Oscar® per La grande scommessa Adam McKay e da Will Ferrell, aveva intrigato e sedotto il pubblico di Sky. E ora, dopo la vittoria agli Emmy Awards 2019, i riflettori sono tutti puntati sui nuovi episodi, in onda a partire da mercoledì 9 ottobre sempre su Sky Atlantic.

Nella prima stagione assistevamo alla spietata lotta alla successione fra i figli di Logan Roy, fondatore della Roystar Co che, a causa dell’età avanzata, tutti danno ormai prossimo al ritiro. Ma, come sappiamo dagli episodi finali di Succession, non sono solo i membri della famiglia a essere interessati all’impero dei media costruito dal magnate nel corso dei decenni.

La seconda stagione di Succession riprende esattamente da dove ci eravamo lasciati con la precedente, con i Logan sempre impegnati a mantenere il controllo della società di famiglia, promettendo intrighi ancora più complicati e manovre ancora più ardite da parte dei vari contendenti alla Waystar Co.

Il cast di Succession è sempre lo stesso ed è capitanato ancora una volta dall’ottimo Brian Cox nel ruolo di Logan Roy, affiancato da Kieran Culkin, Sarah Snook, Jeremy Strong e Alan Ruck nei panni dei figli del miliardario e con tanti altri personaggi fondamentali interpretati da bravissimi attori come Hiam Abbass, Nicholas Braun, Peter Friedman, Arian Moayed e Matthew Macfayden.

Quello che nel frattempo è cambiato è il riconoscimento ufficiale arrivato a Succession con gli Emmy Awards 2019, dove lo show era candidato in tre categorie e ha vinto uno dei premi più prestigiosi, ovvero quello per la Migliore sceneggiatura per una serie drama, andato a Jesse Armstrong (il creatore dello show, già nominato agli Oscar® per la Migliore sceneggiatura non originale con In the Loop) per il season finale Nessuno si perde mai.

Il premio sancisce il gradimento della serie tv HBO non solo da parte del pubblico, ma anche della critica. E testimonia una volta di più come Succession sia stato in grado di coniugare l'intrattenimento con l'alta qualità.