Nirvana, 28 anni fa se ne andava Kurt Cobain: storia dell’angelo maledetto del grunge

Approfondimenti
©Getty

Il frontman del gruppo rock alternativo che negli anni Novanta conquistò il mondo con “Smells Like Teen Spirit” è considerato il portavoce della generazione X. Una figura tormentata, prima dal dolore per il divorzio dei genitori, poi dall’abuso di droghe e dalla relazione burrascosa con Courtney Love. A 27 anni scelse il suicidio e in una lettera scrisse: “È meglio bruciare che spegnersi lentamente”

La musica, il dolore mai superato per il divorzio dei genitori, la droga e l’amore tormentato per Courtney Love, poi il suicidio a soli 27 anni. Nato ad Aberdeen il 20 febbraio 1967, fa Kurt Cobain, indimenticabile frontman dei Nirvana, angelo maledetto del grunge che con Smells Like Teen Spirit che venne considerato portavoce della generazione X, è morto 28 anni fa, il 5 aprile 1994 a Seattle.

Il divorzio dei genitori

leggi anche

Nirvana, arriva la collezione benefica di NFT

Kurt Donald Cobain nasce il 20 febbraio 1967 al Grays Harbor Hospital di Aberdeen, nello Stato di Washington: il padre è Donald Leland Cobain e fa il meccanico, la madre è Wendy Elizabeth Fradenburg, barista e segretaria. Quando nel 1975 i due decidono di divorziare, Kurt Cobain cambia radicalmente, diventa triste e introverso, e in un’intervista del 1993 dirà: “Per qualche ragione me ne vergognavo. Mi vergognavo dei miei genitori. Non riuscivo più a guardare in faccia alcuni dei miei compagni di scuola perché desideravo disperatamente avere una famiglia normale. Mamma, papà. Volevo quel tipo di sicurezza e lo rinfacciai ai miei genitori per parecchi anni”.

La prima chitarra e l’incontro con Buzz Osborne

leggi anche

Dave Grohl: "I Nirvana hanno registrato nuova musica"

A 14 anni Kurt Cobain riceve in regalo da una zia una chitarra elettrica slide della Blue Hawaii e un amplificatore: suona gli AC/DC e i Led Zeppelin e inizia a scrivere le sue canzoni. È un periodo difficile, nel quale passa dalla casa del padre a quella della madre varie volte, mentre entrambi mettono su famiglia con altre persone. Il padre si risposa e ha un altro figlio, mentre la madre inizia a frequentare un uomo che la maltratta, e alla violenza domestica assiste anche Kurt. Nel frattempo incontra per la prima volta Roger "Buzz" Osborne, cantante e chitarrista dei Melvins che gli fa conoscere gruppi come Black Flag, Butthole Surfers e MDC. Inizia la scuola superiore e, appoggiato da familiari e professori, si concentra sull’arte, ma nel 1985 lascia gli studi dopo aver realizzato che non ha abbastanza crediti per concludere l’anno. A quel punto la madre, con cui è tornato a vivere da poco, gli dà un ultimatum: trovare lavoro o andarsene. E dopo una settimana Kurt Cobain trova tutte le sue cose imballate sul marciapiede fuori di casa.

Fecal Matter e The Stiff Woodies

approfondimento

Nirvana, 30 anni fa usciva l'album Nevermind

Cobain vive per un po’ da amici, o si infila di nascosto nel seminterrato della casa della madre per dormire: “Avevo sempre desiderato provare l'esperienza della vita di strada - dirà anni dopo in un’intervista - visto quanto era noiosa la mia vita di adolescente ad Aberdeen, ma non fui mai abbastanza indipendente per farlo. Facevo la fila per il buono viveri, vivevo sotto un ponte. Alla fine mi trasferii a Olympia”. Sono gli anni in cui si avvicina alle filosofie del buddhismo e del giainismo e fonda con Dale Crover i Fecal Matter: il primo demo, inciso a casa della zia Mary che fa la musicista, è un hardcore punk violento. Nel 1985 si trasferisce in un appartamento al 1000-1/2 E. Second Street e paga l'affitto lavorando al The Polynesian Resort e come bidello. Nello stesso anno, insieme a Krist Novoselic fonda il gruppo The Stiff Woodies (poi rinominato Sellouts, Brown Cow, Ted Ed Fred, Skid Row e Pen Cap Chew), con Aaron Burckhard alla batteria.

I Nirvana e il primo album Bleach

leggi anche

Nevermind, il bambino sulla copertina fa causa ai Nirvana

È il 1987 l’anno della nascita dei Nirvana, fondati da Cobain e Krist Novoselic. Alla batteria si susseguono Chad Channing e Butch Vig, ma la formazione definitiva arriva nel 1990 con Dave Grohl. Nel 1989 a Seattle, una delle scene musicali più vivaci dell’epoca, i Nirvana registrano e pubblicano l'album Bleach con l'etichetta indipendente Sub Pop Records e raggiungono il successo, mentre inaugurano la loro “tradizione”: finire i concerti distruggendo gli strumenti per terra o contro gli amplificatori.

Nevermind e In Utero

leggi anche

I 30 anni di Smells Like Teen Spirit, ispirata da... un deodorante

Nel 1991 esce il secondo album dei Nirvana, Nevermind, con l’indimenticabile Smells Like Teen Spirit e la maggior parte delle tracce scritte e composte da Cobain, molte delle quali con riferimenti autobiografici. Con il brano, e il video diretto da Samuel Bayer, i Nirvana diventano il simbolo e la voce dominante del grunge, mentre il disco raggiunge la prima posizione nella classifica Billboard 200 superando nelle vendite l'album Dangerous di Michael Jackson in quattro mesi. Il successo è enorme: Smells Like Teen Spirit e In Bloom vincono gli MTV Video Music Awards e il grunge diventa il genere rock dominante della prima metà degli anni Novanta. Il terzo e ultimo album dei Nirvana arriva nel 1993, dopo un tour con i Pearl Jam e i Red Hot Chili Peppers sulla costa orientale degli Stati Uniti, in Australia e in Giappone: il disco è In Utero, che si rivela un altro grande successo con il singolo Heart-Shaped Box che vince gli MTV Video Music Awards nella categoria Best Alternative Video. Nello stesso anno i Nirvana si esibiscono in versione acustica all’MTV Unplugged, in quello che da molti è considerato uno dei loro migliori concerti di sempre e da cui verrà poi tratto l'omonimo album MTV Unplugged in New York, pubblicato nel 1994 dopo la morte di Cobain.

Il matrimonio con Courtney Love

vedi anche

Courtney Love ieri e oggi: ecco com’è cambiata

Ma la vita di Cobain è segnata anche da un altro evento: l’incontro nel 1990 con Courtney Love, leader e cantante del gruppo rock Hole. Una relazione difficile, intensa ma burrascosa, segnata dall’uso di droghe da parte di entrambi, con episodi di violenza domestica e litigi per i quali a volte interviene anche la polizia. Nel 1992, il 24 febbraio, i due si sposano alle Hawaii, vivono per un po’ a Los Angeles e poi si spostano a Seattle. Il 18 agosto dello stesso anno nasce la figlia Frances Bean Cobain, ma un articolo di Vanity Fair che accusa Courtney Love di aver fatto uso di eroina in gravidanza crea un tale scandalo che alla coppia viene tolta la custodia della bambina. I due passano anni fra disintossicazione e processi, e alla fine Frances Bean torna a casa dai genitori.

Le ultime settimane e il suicidio

leggi anche

Kurt Cobain, i dubbi sulle cause della morte nel dossier dell'FBI

Mentre i Nirvana sono all’apice del successo, Cobain nella vita privata sprofonda nella depressione e nell’uso di stupefacenti. Non tollera la popolarità e la pressione dei media e teme che la sua musica non sia capita, tanto che rifiuta un contratto da otto milioni di dollari per suonare al festival di Lollapalooza. Il 2 marzo del 1994, dopo l'ultimo concerto del tour europeo dei Nirvana al Terminal Einz a Monaco, Cobain vola a Roma per prendersi una settimana di riposo insieme alla moglie e alla figlia, ma durante la notte Courtney Love si accorge che il marito è in overdose. Viene salvato, ma una volta tornato negli Stati Uniti si isola, pur accettando di seguire un programma di disintossicazione a Los Angeles. L’1 aprile vede la figlia per quella che sarà l’ultima volta, e la sera vola a Seattle, dove il 5 aprile si suicida sparandosi un colpo di fucile alla testa nella serra della sua casa sul lago Washington. Il corpo del 27enne Cobain viene trovato dopo qualche giorno dall’elettricista Gary Smith e in seguito l’autopsia conferma un “colpo di fucile autoinflitto alla testa”. Gli esami tossicologici rilevano inoltre un'altissima dose di eroina nel sangue, circa 1,52 milligrammi per litro al momento del suicidio, e la presenza di Valium. Prima di togliersi la vita, Cobain scrive una lettera, indirizzata al suo amico immaginario d’infanzia Boddah, alla moglie Courtney Love, alla figlia Frances e ai fan. Il messaggio contiene una frase tratta da una canzone di Neil Young - “It’s better to burn out than fade away” (“È meglio bruciare che spegnersi lentamente”) - e parla dei suoi amori: “Ho una dea di moglie che trasuda ambizione ed empatia e una figlia che mi ricorda troppo com’ero, piena di amore e gioia, che bacia ogni persona che incontra perché tutti sono buoni e nessuno le farà del male. E questo mi terrorizza al punto che vado avanti a stento. Non posso sopportare il pensiero che Frances diventi il miserabile, autodistruttivo rocker che sono diventato io”. Poi chiede a Courtney Love di resistere, per la figlia “che sarà molto più felice senza di me”.

Club 27

Dopo la morte di Kurt Cobain, la stampa conia la famosa espressione Club 27. Il suicidio del leader dei Nirvana viene infatti messo in relazione alle morti di Brian Jones, Jimi Hendrix, Janis Joplin e Jim Morrison, tutti musicisti morti all'età di 27 anni tra il 1969 e il 1971. L’espressione è stata poi utilizzata ancora nei decenni successivi, ad esempio per la cantante Amy Winehouse nel 2011.

Spettacolo: Per te