John Lennon, all'asta un nastro del 1970 con un brano inedito e dei racconti

Musica
©Getty

All'asta a Copenhagen un nastro del 1970 in cui l'artista canta una canzone inedita chiamata 'Radio Peace' ed esprime frustrazione a un gruppo di scolari danesi per la sua immagine di Beatles.

Giunge all'asta a Copenhagen un nastro del 1970 in cui John Lennon (81 anni fa la nascita di un mito tra musica e attivismo politico. FOTO) canta una canzone inedita chiamata 'Radio Peace' ed esprime frustrazione a un gruppo di scolari danesi per la sua immagine di Beatles. Il nastro, di 33 minuti, è stato registrato il 5 gennaio 1970 quando l'ex Beatles trascorse l'inverno in un angolo remoto dello Jutland, nella Danimarca occidentale, con sua moglie Yoko Ono. All'epoca quattro giovani fan, inviati per il giornale del loro liceo, affrontarono una tempesta di neve nella speranza di intervistare il loro idolo. Gli argomenti affrontati spaziano dalla campagna per la pace della coppia Lennon-Ono, ai Beatles, ai capelli di Lennon e alla sua frustrazione per la sua immagine come parte dei "Fab Four".

 

Da Yoko Ono a Linda McCartney: tutte le mogli dei Beatles. FOTO

approfondimento

John Lennon: la fotostoria

"Siamo andati in soggiorno e abbiamo visto John e Yoko seduti sul divano, è stato fantastico. Ci siamo seduti con loro ed eravamo abbastanza vicini l'uno all'altro", ha raccontato Karsten Hojen, uno dei proprietari del nastro, che ora ha 68 anni. Lennon e sua moglie arrivarono in Danimarca nel dicembre 1969 per decidere il futuro della figlia di cinque anni di Ono, Kyoko, che viveva con suo padre nello Jutland settentrionale. A quel punto, i Beatles avevano registrato il loro ultimo album, Abbey Road, e anche se non ancora era ufficiale, il gruppo si era ormai sciolto. Sebbene Lennon e Ono trascorsero la loro prima settimana in Danimarca in segreto, la stampa lo scoprì presto e il cantante organizzò una conferenza stampa che coincise con il primo giorno dell'anno scolastico. Hojen e i suoi amici convinsero il preside a lasciarli saltare la lezione per parlare di pace e musica con il cantante. Ora hanno detto di aver deciso di separarsi dall'audiocassetta perché non possono immaginare di dividerla tra i loro numerosi figli. "Saremmo felici se un museo fosse interessato, o perché non Yoko Ono stessa?" ha detto il consulente culturale. La registrazione è di discreta qualità.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.