Boy, il primo album degli U2 compie 40 anni

Musica

Il primo storico album della band irlandese compie 40 anni, un progetto che affronta la transizione dall’adolescenza all’età adulta

Boy” degli U2 compie ufficialmente 40 anni. Pubblicato il 20 ottobre 1980, è considerato tra i migliori album di debutto nella storia della musica. Il concept del disco nasce da Bono e si basa sulla transizione dall’adolescenza all’età adulta di un uomo. Un argomento delicato che toccava ogni membro del gruppo irlandese e che quindi mette in risalto introspezione ed emotività in ogni traccia. “Boy” è un’opera diretta e suggestiva che permise di far conoscere al mondo il talento immenso degli U2. Inciso e realizzato presso gli Windmill Lane Studios da luglio e settembre del 1980, venne presentato con il singolo “I Will Follow” (brano che ancora oggi non manca nei live della band irlandese) e dal “Boy Tour”, lunga serie di concerti negli Stati Uniti e in Europa. Accolto con grande considerazione dalla critica è stato inserito tra i 500 migliori album della storia.

La nascita di “Boy” e l’innovativa produzione di Steve Lillywhite

approfondimento

Bono compie 60 anni, le canzoni più famose degli U2

In realtà la storia di “Boy” nasce da molto lontano e rappresenta le esperienze vissute da Bono durante l’adolescenza, a cominciare dalla morte della madre Iris, avvenuta il 12 settembre 1974 a due giorni dal funerale del padre e nonno del cantante. All’epoca il frontman degli U2 aveva solo 14 anni. Dal punto di vista produttivo invece, tutto nasce in una toilette del Lyceum, un locale di Londra dove gli U2 firmano il loro primo contratto discografico con la Island Records. Successivamente viene pubblicato “11 O’Clock Tick Tock”, primo tassello per arrivare a “Boy” ma che non sarà incluso nell’album. Il testimone della produzione passa da Martin Hannet, scosso dalla morte di Ian Curtis dei Joy Division, a Steve Lillywhite, coetaneo degli U2. Nasce così “A Day Without Me” dedicata proprio a Ian Curtis e partono anche le sperimentazioni che faranno di “Boy” un album iconico per la musica. Tra le novità testate anche tecniche di incisione del tutto innovative all'epoca, con le basi registrate e poi fatte girare più veloci in fase di sovraincisione della voce, processo reso possibile dalla notevole acustica delle sale.

Cover e tracklist di “Boy”

approfondimento

"Joshua Tree" degli U2 è il miglior album degli anni Ottanta

La copertina dell’album “Boy” vede l’immagine di Peter Rowen da bambino (aveva all’epoca 5 anni). Si tratta del fratello di Guggi, amico di Bono ed è presente anche sulle copertine di Three (1979), War (1983), The Best of 1980-1990 (1998) ed Early Demos. Una foto in bianco e nero con il bambino a torso nudo e con le mani alzate dietro alla testa e un’espressione neutra. Negli USA e in Canada sulla copertina ci sono i volti dei quattro membri della band. I testi e le musiche delle tracce presenti in “Boy” sono di Adam Clayton, The Edge, Bono, Larry Mullen Jr. Questa la tracklist di “Boy”:

  1. I Will Follow
  2. Twilight
  3. An Cat Dubh
  4. Into the Heart
  5. Out of Control
  6. Stories for Boys
  7. The Ocean
  8. A Day Without Me
  9. Another Time, Another Place
  10. The Electric Co
  11. Shadows and Tall Trees 

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24