Beppe Vessicchio, chi è il direttore d'orchestra del Festival di Sanremo

Beppe Vessicchio è finalmente tornato al Festival di Sanremo  conquistando immediatamente il pubblico. Scopriamo tutto sulla carriera del direttore d'orchestra più amato del piccolo schermo.

Scopri tutto su Sanremo 2020: lo SPECIALE Festival di Sanremo al via: ecco il red carpet di tutti i cantanti in gara Al Bano e Romina Power, la storia d'amore della coppia

Beppe Vessicchio è uno dei grandi protagonisti della 70° edizione del Festival di Sanremo. Il direttore d’orchestra ha fatto il suo atteso ritorno nel corso della prima serata della kermesse musicale ottenendo immediatamente numerosi consensi da parte del pubblico che ha manifestato grande gioia sui social con tweet ironici e divertenti.

In attesa di rivederlo sul palco del Teatro Ariston, scopriamo insieme la sua storia.

Beppe Vessicchio: la carriera

Giuseppe Vessicchio, questo il nome all’anagrafe, nasce il 17 marzo 1956 a Napoli. Fin dalla tenera età il direttore d’orchestra ha mostrato grande passione per la musica e lo spettacolo.

Nel 1975 Beppe Vessicchio, così è comunemente noto al grande pubblico, debutta nel gruppo comico Trettré affiancando al suo lavoro la passione per la recitazione e il teatro, ma qualche anno dopo il musicista decide di concentrarsi sulla sua carriera nel campo discografico abbandonando la formazione teatrale.

Anno dopo anno Giuseppe Vessicchio ha assunto sempre maggior riconoscimento e popolarità collaborando con alcuni dei più grandi nomi della musica italiana e internazionale, tra questi Andrea Bocelli, Ornella Vanoni, Zucchero, Syria, Ron e Ivana Spagna (qui potete trovare tutte le foto più belle di ieri e di oggi della cantante di “Gente come noi”). Parallelamente al lavoro di arrangiatore, compositore e musicista, Beppe Vessicchio ha riscosso grandi consensi anche come direttore d’orchestra.

Beppe Vessicchio: il Festival di Sanremo

Il debutto di Beppe Vessicchio come direttore d’orchestra al Festival di Sanremo (qui potete trovare tutte le foto più belle del red carpet dei ventiquattro artisti in gara) avviene nei primi anni ’90.

Nel corso della carriera il Maestro ha portato per ben quattro volte i suoi artisti sul gradino più alto del podio: gli Avion Travel con “Sentimento” nel 2000, Alexia con “Per dire di no” nel 2003, Valerio Scanu con “Per tutte le volte che” nel 2010 e infine Roberto Vecchioni con “Chiamami ancora amore” nel 2011.