Sanremo 2019, Anna Tatangelo al Festival con "Le nostre anime di notte": il testo

“Le nostre anime di notte” è il brano con cui Anna Tatangelo è tornata al Festival di Sanremo. Ecco il testo

SPECIALE SANREMO

Era il 2002 quando Anna Tatangelo, ancora quindicenne, vinse la sezione “Giovani” del Festival di Sanremo. Oggi la giovane artista, divenuta donna e madre, ritorna per l’ottava volta alla kermesse musicale, con il brano “Le nostre anime di notte”. 

“Le nostre anime di notte”: significato e testo

Anna Tatangelo torna sul palco dell’Ariston per il Festival di Sanremo 2019 con una canzone intensa, che parla di una coppia che ha rischiato di veder naufragare il proprio rapporto, ma che alla fine, deponendo le armi, sceglie di capire come ricomporre la rottura e tornare ad essere felice. C’è chi vede tra le parole del brano anche un qualcosa di autobiografico, che riprende le ultime vicende sentimentali della Tatangelo e il momento difficile vissuto con il compagno di sempre, il cantautore Gigi D’Alessio, con il quale sembra essere tornata l’armonia. Per questo, ogni parola della canzone riesce ad arrivare al cuore con un’emozione che la stessa Anna Tatangelo non ha nascosto durante la sua prima esibizione nella prima serata del Festival di Sanremo 2019. Il brano è stato scritto da Lorenzo Vizzini, autore che da anni lavora al fianco della Tatangelo, e farà parte del nuovo album “La fortuna sia con me”, in uscita l’8 febbraio. Ecco il testo della canzone:

Quante bugie ci siamo detti, amore

Quante parole da dimenticare

E continuare a negarlo è soltanto una fragilità

Allontanarsi non è mai la fine

Se si ha il coraggio di ricominciare

Ma non è facile quando si perde la complicità

E adesso siamo qui

Occhi negli occhi, senza nascondigli

Senza difendere più i nostri sbagli

O sfidarci tra noi

E finirà così

E forse è quello che vogliamo entrambi

Ma lo capisco da come mi guardi che in fondo lo sai

Che mai potremo perderci

E più ti guardo, e più vedo la parte migliore di noi

Ma ormai non serve illuderci

Non c’è bisogno di fingerci forti ed in fondo lo sai

Le nostre anime di notte

Quante bugie ci siamo detti, amore

E non è facile dimenticare

Che queste frasi in sospeso nascondono la verità

E adesso siamo qui

E siamo nudi per la prima volta

Senza il timore di fare una scelta e poi non scegliere mai

Mai potremo perderci

E più ti guardo e più vedo la parte migliore di noi

Ma ormai non serve illuderci

Non c’è bisogno di fingerci forti ed in fondo lo sai

Le nostre anime di notte

Sono più limpide che mai

Sono più limpide che mai

Mai

Potrei lasciarmi alle spalle la parte migliore di noi

Ma ormai non serve illuderci

Non c’è bisogno di fingerci forti ed in fondo lo sai

Le nostre anime di notte

Non si perderanno mai

Le partecipazioni della Tatangelo al Festival di Sanremo

La partecipazione a questa edizione del Festival di Sanremo rappresenta l’ottava della carriera di Anna Tatangelo, che ha debuttato proprio sul palco dell’Ariston ancora giovanissima, vincendo nel 2002 nella categoria “Giovani” con il brano “Doppiamente fragili”. L’anno dopo, la cantante di Sora ritorna a Sanremo tra i “Big” al fianco di Federico Stragà e con il brano “Volere volare”. Nel 2005, invece, porta sul palco “Ragazza di periferia”, scritta da Gigi d’Alessio e Mogol, recentemente remixata da Achille Lauro e Boss Doms, e con cui si classifica terza. Raggiunge ancora il podio, conquistando il secondo premio, nel 2008 con il brano “amico mio, e nel 2011 si classifica al nono posto con “Bastardo”. Gareggia anche nel 2015 con la canzone “Libera”, che tuttavia non arriva alla fase finale.