Tutto sul concerto di Natale dei Jethro Tull a Bologna

ian-anderson
@Getty Images

Alla chiesa di San Salvatore il suggestivo live benefico di Ian Anderson, accompagnato dal Faith Gospel Choir”

Sarà uno degli eventi più suggestivi del Natale 2018. Mercoledì 12 dicembre (ore 21) Ian Anderson porterà nella chiesa di San Salvatore a Bologna il mini tour “Jethro Tull Christmas 2018”. Un concerto a scopo benefico (il ricavato della serata sarà devoluto all’Arad associazione di ricerca e assistenza delle demenze) con un repertorio di musiche e canzoni della tradizione natalizia, imbracciando chitarra e soprattutto flauto, su cui ancora a 71 anni ha pochi rivali. Ad affiancarlo il “Faith Gospel Choir” diretto da Rosanna Bonvento. La vendita dei biglietti sul circuito Vivaticket è chiusa, per i ritardatari l’ultima speranza è quella di presentarsi direttamente all’ingresso della chiesa.

La scaletta del concerto

Quella di Bologna sarà una delle cinque date del “Jethro Tull Christmas 2018”, il mini tour iniziato lo scorso nella cattedrale cittadina di Chester, in Inghilterra, e che proseguirà giovedì 13 dicembre a Reggio Emilia nella Basilica della Ghiara prima di tornare in terra d’Albione nelle rispettive cattedrali centrali di Birmingham (17 dicembre) e Hereford (18 dicembre). Per l’occasione, Anderson mescolerà brani del repertorio classico della band riarrangiati ad hoc, classici della tradizione natalizia e letture di alcuni brani e preghiere. Un concerto che si annuncia emozionante e suggestivo per la combinazione tra la musica e la meravigliosa location. Di seguito la scaletta del primo concerto del tour, quello di Chester di due settimane fa, che non dovrebbe discostarsi molto da quella che sarà presentata a Bologna:

  1. God Rest Ye Merry Gentlemen
  2. Gaudete
  3. We Five Kings
  4. A Christmas Song (preceduta dalla lettura del Vangelo di Luca, 2: 4-14)
  5. Ring Out, Solstice Bells
  6. Life Is A Long Song
  7. Marmion (reading)
  8. Jack-In-The-Green (preceduta da un assolo di flauto di Shonagh Donald)
  9. Bourrèe in E Minor (Johann Sebastian Bach cover)
  10. Holly Herald
  11. Weathercock
  12. Away In A Manger
  13. I Believe In Father Christmas (Greg Lake cover, preceduta da un assolo di flauto di Shonagh Donald)
  14. Toccata e Fuga (Johann Sebastian Bach cover)
  15. My God (preceduta dalla lettura di una preghiera di Jeremy Dussek)
  16. Aqualung
  17. Locomotive Breathe

L’antipasto del tour che verrà

È un periodo di pieno fermento per l’attività dei Jethro Tull. Dopo l’uscita, lo scorso 9 novembre, del ricchissimo cofanetto per commemorare il cinquantesimo anniversario del primo album pubblicato dal gruppo, “This Was”, la band si lancerà a primavera in un lungo tour celebrativo del quale questa parentesi natalizia costituisce di fatto un prologo. A fine marzo i pionieri del progressive saranno di nuovo in Italia con tre date da non perdere: il 28 marzo al Teatro Colosseo di Torino, il 29 al Dis_Play di Brescia ed il 30 all’EuropAuditorium di Bologna. Le prevendite sono aperte sul circuito Ticketone. Nel tour Anderson sarà accompagnato da David Goodier al basso, John O'Hara alle tastiere, Florian Opahle alla chitarra, Scott Hammond alla batteria e da un ospite “virtuale” a sorpresa. Verosimilmente, si pescherà a piene mani da “That Was – 50th Anniversary Edition”, la raccolta che contiene una versione deluxe di quel “This Was” comprensiva di tre cd e tre dvd zeppi di rarità, nuovi missaggi e b-sides, oltre ad un libro con la storia della band e foto in esclusiva.