Rocco Hunt, il nuovo singolo è “Tutt 'e parole”: il testo

Rocco Hunt: nuovo singolo è “Tutt 'e parole”
@Kikapress

Rocco Hunt ha pubblicato un nuovo singolo in dialetto napoletano dal titolo “Tutt 'e parole”. Ecco il testo

“Tutt 'e parole” è il singolo del rapper salernitano Rocco Pagliarulo, in arte Rocco Hunt. Il brano è stato pubblicato lo scorso 23 novembre ed è interpretato in dialetto napoletano, proprio per omaggiare e ringraziare la Campania, regione da cui la sua carriera musicale ha avuto inizio. Si tratta di una sorta di ritorno alle origini, un inedito che ricorda “O’ Mar ‘e o’ sole”, cantato con Clementino, o “Nu juorno buono”, con cui il rapper ha vinto nella categoria “Nuove proposte” alla 64° edizione del Festival di Sanremo nel 2014.

Una canzone rap per ringraziare la Campania

Prima dell’uscita del singolo, Rocco Hunt ha rivolto sui social alcune parole di ringraziamento alla sua terra e a chi ha creduto in lui: «Clemente è stato il primo a credere in me, a crederci davvero. Prima di qualsiasi major c’erano semplicemente un ragazzo pieno di voglia di emergere e il suo idolo chiusi in uno studio di registrazione. E da quello studio siamo usciti con “O’mare ‘e o’ sole”, che è stata il mio primo vero successo, il primo pezzo che mi ha fatto notare a livello nazionale. È iniziato tutto con il dialetto, e forse è per questo che è al dialetto che tornerò il 23 novembre con “Tutte ‘e parole”. Perché voglio restituire qualcosa, perché quando ancora nessuno si era accorto di me, la Campania l’aveva già fatto!»

Il testo di “Tutt 'e parole”

Tutt’e parole” sono le parole che si sono dette, ma che non si pensavano veramente, frutto di un’ansia e di una gelosia che non fanno dormire la notte. Il testo affronta, infatti, il tema dell’amore a distanza ed è in napoletano, dialetto che con la musica riesce dare una visione più intensa di questi stati d’animo. Il brano è accompagnato da un video che ritrae Rocco Hunt, una giovane ragazza e lo schermo di uno smartphone, dove parti del testo appaiono come messaggi di WhatsApp o stati di Facebook.

Questo è il testo di “Tutt 'e parole”:

Guarda quanta gelusia

Pur’‘a notte n’puo’ durmì

 

Guarda quanta gelusia

Pur’‘a notte n’puo’ durmì

 

Guarda quanta gelusia

Pur’‘a notte n’puo’ durmì

 

Nu pian ‘e fuga primma o poi l'escogitammo

Tu si’ Tata e je Pablo Escobar

Vojo ca l'urdeme d’‘e juorne, nennè

Giurasse ca turnasse a sta' tutt''a vita cu’ mme

 

Assaje ‘e difette, ma si tu ‘e suppuorte

Trovo sempe ‘o modo pe' te ripagà

Vojo ca m’aspiette e ca nun scinne 'a coppa

Sulo p’‘o penziero ca ponno guardà

Hijo de puta maldito

Resto nu bandito

Fa ‘mmocca a Carrillo

Nisciuno ca può giudicà si nu padre fa ‘e sbaglie

Pe’ dà ‘a magnà ‘o figlio

 

Stuto ‘e candeline ‘e chistu compleanno

Ma nisciuno sta cantanno

‘E cumpagne mi' nce stanno

Me truovo cca da sulo

Cu’ ‘na banda ‘e paraculo

Ca nun fossero nisciuno senz’‘o pate e ‘a mamma

 

Si’ n’ata storia, nun si’ comm’a loro

Dico dint’‘o specchio pe' me dà curaggio

Sto troppo nervoso, aggio sbagliato a scrivere ‘e parole dint’a ‘stu messaggio

 

Te sento ‘int’‘e cose d''a vita, ‘int’‘e juorne che passano senza pietà

Tu mo si’ ‘a stella cchiù bella ca ‘nciel stasera brillando me rest’‘a guardà.

 

Tutte ‘e parole, che t’aggio ditto

Je nun ‘e pensavo ‘o veramente

E nun è colpa mia, si faccio ‘o pazzo quando nun te veco, quando nun te sento

Sarà ‘sta distanza, sarà chist’aereo

Colpa ‘e chest’ansia ca nun me fa rire e ca me fa sta’ serio.

 

Guarda quanta gelusia

Pur’‘a notte n’puo’ durmì

Guarda quanta gelusia

Pur’‘a notte n’puo’ durmì

Sarà ‘sta distanza, sarà chist’aereo

Colpa ‘e chest'ansia ca nun me fa rire e ca me fa sta’ serio.

 

Nn’ vojo vedé a nisciuno

'Sta vita m'ha deluso quand'ero criaturo

Tutti frate a chiacchiere

Tutti quanti scappano

‘Annanze 'e problem se rimane ‘a sulo

 

Tu si’ comm’a l’ate

Nun si’ ‘nnammurata

Pecché 'sti carezze sanno ‘e curtellate

Me n’accorgo e fingo pe’ vedè addò arrivi

Pe' capì tu 'o veramente quanto si’ cattiva

 

S'hanno futtuto pur’‘e suonne ‘int’‘o cassetto

Pecciò nn’ tenimmo cchiù niente da perdere

Quando pierde ‘e cose cchiù importanti

Pierde tutte ‘e speranze

E nn’ te ne futte 'e niente

 

‘Sta distanza ca me fotte, eternamente

N'atu tour, n’ata lotta, n’ato albergo

Nu messaggio ‘e quatto ‘a notte, po’ me pento

'Sta gelusia ca nn’ me fa essere indifferente

 

Ma quando penz’a l’ammore penzo a te

Tra mille sigarette ca stutamme ‘int’‘o bicchiere

Ma è comme si po’ adoppo m’‘e facisse beve

'E cose belle sapene 'e veleno

Te veco ogni parte d''a strada

Ma si m'avvicino e te chiammo scumpare

Tu si’ ‘o ricordo ca me vene a mente si quando sto triste dongo a parlà ‘o mare.

 

Tutte ‘e parole, che t’aggio ditto

Je nun ‘e pensavo 'o veramente

E nun è colpa mia, si faccio ‘o pazzo quando nun te veco, quando nun te sento

Sarà ‘sta distanza, sarà chist’aereo

Colpa ‘e chest’ansia ca nun me fa rire e ca me fa sta’ serio.

 

Guarda quanta gelusia

Pur’‘a notte n’puo’ durmì

Guarda quanta gelusia

Pur’‘a notte n’puo’ durmì

Sarà ‘sta distanza, sarà chist’aereo

Colpa ‘e chest’ansia ca nun me fa rire e ca me fa sta’ serio.