Bay Fest a Bellaria, tra gli ospiti Offspring e Nofx

Offspring
@Getty Images

Due eminenze del punk-rock illumineranno il festival romagnolo il 12, 13 e 14 agosto 2019

Due pezzi da novanta della musica punk infiammeranno l’estate romagnola 2019. Dopo Bad Religion, Millencolin e Lagwagon, il prossimo anno toccherà agli Offspring e ai Nofx fare da band di punta della quinta edizione del Bay Fest, che, come da tradizione, andrà in scena subito a ridosso di Ferragosto. Lunedì 12, martedì 13 e mercoledì 14 agosto le date scelte per la prossima edizione del festival rock che, come solito, avrà come location il Parco Pavese di Bellaria Igea Marina (RN). Per il momento, la presenza delle due eminenze del punk americano è una delle poche certezze: il calendario completo del festival si andrà completando nei prossimi mesi. Già martedì, però, inizierà la prevendita degli abbonamenti per tutti e tre i giorni: il tagliando costerà 90 euro più diritti di prevendita, 140 euro nel caso si voglia avere compreso nel prezzo anche il pass campeggio per quattro notti.

Gli Offspring e la via “Americana” al punk

Per gli Offspring si tratta della prima volta al Bay Fest, ma in Italia negli ultimi anni sono passati di frequente. L’ultima volta lo scorso giugno a Milano per gli I-Days, ma anche nell’estate 2017 con tre date a Barolo, Roma e Lignano Sabbiadoro. Dexter Holland e compari sono ormai da un ventennio sulla cresta dell’onda, anche se la loro carriera inizia molto prima. La notorietà di massa arriva infatti nel 1998 con il celeberrimo “Americana”, con all’interno la super hit “Pretty Fly (For A White Guy)” ed altri singoli di grande successo come “Why Don’t You Get A Job?”, “The Kids Aren’t Alright” e “She’s Got Issues”. Un disco che ha venduto oltre 11 milioni di copie in tutto il mondo e che li ha resi autentiche celebrità pop, nonostante da un decennio fossero una delle rock band più apprezzate nei circuiti della musica alternativa. Era stato “Smash” nel 1994 a farli notare grazie soprattutto al singolo “Come Out And Play”, che debuttò alla numero 1 nella Billboard Modern Rock Chart. Dopo “Americana” la band californiana non ha più raggiunto quei vertici, mentre l’ultima fatica in studio risale ormai al 2012 con “Days Go By”.

Il bis dei Nofx

I Nofx invece il palco del Bay Fest lo conoscono bene, avendolo già calcato nell’edizione 2016, quando sul palco di Bellaria arrivavano freschi di uscita del loro ultimo album, “First Ditch Effort”. Da allora, però, non è cambiato granché per Fat Mike e soci, fermi a quello che era il loro tredicesimo album in studio. Come gli Offspring, dei quali sono conterranei e praticamente contemporanei, raggiunsero la notorietà nel 1994 con uno dei dischi fondamentali del punk degli anni Novanta: “Punk In Drublic”, quello che è tutt’ora il loro più grande successo. A differenza degli Offspring, ai Nofx è mancato l’album che li consacrasse anche fuori dai confini del punk, all’interno dei quali però rappresentano una delle band di riferimento. Probabilmente un’impostazione dei testi spesso molto provocatoria e anche di valenza politica ne hanno precluso l’ascesa, ma ne hanno anche radicato fortemente le radici tra i fan più accaniti.