Barbra Streisand: fuori il video auto-diretto di "Don't Lie to Me"

Barbra Streisand: fuori il nuovo video auto-diretto di "Don't Lie to Me"
@Getty Images

Barbra Streisand ha appena rilasciato il suo primo video musicale autodiretto, “Don’t Lie to Me”: tutte le info

È una sperticata critica contro Donald Trump quella espressa in “Don’t Lie to Me” da Barbra Streisand. Nel nuovo video, autoprodotto dalla stessa star e uscito il 9 ottobre, il messaggio politico si accentua ancora di più. “Don’t Lie To Me” è uno dei singoli estratti dal suo album in uscita, “Walls” previsto in pubblicazione per il 2 novembre.

“Don’t Lie to Me”

Il brano “Don’t Lie To Me” è uscito a settembre portando con sé un forte vento di critiche nei confronti dell’Establishment. Barbra Streisand torna a fare musica, questa volta con un LP già pronto, e affronta con coraggio i temi caldi della politica, facendone un punto di grande importanza all’interno della sua produzione artistica. “Don’t Lie To Me” è un video scritto e prodotto da Barbra Streisand stessa, la quale ha infuso la sua lotta all’interno di ogni fotogramma e di ogni verso. Non è la prima volta che la Streisand si mette all'opera anche dietro la cinepresa, avendo lavorato anche alla versione del ’76 di “A Star is Born”.

Walls” è il primo LP di Barbra Streisand dal 2005 a contenere brani inediti, e offre una panoramica severa sulla attuale politica degli Stati Uniti. Il titolo riporta già alla mente uno degli argomenti più caldi della stagione. “Don’t Lie To Me” è una ballad potente dedicata a un uomo che, secondo la Streisand, «Cambia i fatti per giustificare le sue azioni».

Parlando con il Billboard, ha dichiarato: «Dovevo scrivere questa canzone. Questi tempi mi hanno infuso energia. C’è una luce che arriva e la speranza per il futuro. Dobbiamo crescere come nazione».

E poi ancora: «Il Bugiardo al comando, il Palpeggiatore al comando. Sì, ho scritto diversi articoli a proposito di… questa persona… che non ha educazione, insulta tutti e si prende gioco dei disabili. Non so cosa dire, ho già scritto almeno 15 pezzi sull’Huffington Post. Questo è il modo in cui ho deciso di incidere il mio disco, perché a che altro potrei pensare adesso? È la mia protesta, in un certo senso, a proposito di un’epoca che, nella storia, non ha precedenti». Sin dai tempi delle elezioni, Barbra Streisand ha ammesso pubblicamente si sostenere la candidatura di Hillary Clinton, manifestando duramente sui social la sua opposizione a Trump. «Non riesco a sopportare quello che sta succedendo,» ha spiegato la star, «Il suo assalto alla nostra democrazia, alle nostre istituzioni. Penso che siamo in un combattimento. Siamo in guerra per l’anima dell’America».

Walls, il nuovo album

“Walls” conterrà 11 tracce tra brani inediti e pilastri della musica, come “Imagine”, “What a Wonderful World”, “Take Care of this House” e “What the World Needs Now”. “Don’t lie to me”, “What’s on my Mind” e “The Rain Will Fall” sono inedite e scritte dalla stessa penna della Streisand. Il lavoro di produzione è stato condiviso con Walter Afanasieff, John Shanks e David Foster, ognuno dei quali ha vinto un Grammy come produttore dell’anno, e Desmond Child, membro della Songwriter Hall of Fame.