Kit Harington ha scoperto che suo nonno potrebbe aver ispirato James Bond

Cinema
©IPA/Fotogramma

La star de Il Trono di Spade ha raccontato la vicenda di suo nonno John, spia della seconda guerra mondiale che teneva d'occhio il duca e la duchessa di Windsor

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

 

 

Kit Harington ha scoperto che suo nonno era una spia della seconda guerra mondiale che teneva d'occhio il duca e la duchessa di Windsor, come parte di un controverso complotto. L'attore, 35 anni, ha ipotizzato che suo nonno paterno John avrebbe quindi potuto ispirare il celebre personaggio di James Bond. La rivelazione è arrivata quando Harington è apparso in My Grandparents' War di Channel 4, show che vede le celebrità ripercorrere le esperienze dei loro nonni durante la seconda guerra mondiale.

Kit Harington: “Mio nonno era una spia”

approfondimento

Game of Thrones, svelato il titolo del sequel dedicato a Jon Snow

Kit Harington ha detto a The Telegraph di aver scoperto anche di avere dei legami con i reali, perché suo nonno John era il 22 volte pronipote di re Edoardo III. Parlando del passato di John come spia, l'interprete di Jon Snow in Game of Thrones ha dichiarato che è stato affascinante scoprire che era responsabile di una delle operazioni di spionaggio più controverse del 20esimo secolo. L'attore ha scherzato dicendo che suo nonno potrebbe aver ispirato James Bond, poiché John era collega del creatore Ian Fleming quando è stato reclutato dall'intelligence navale nel 1941 e inviato in Giamaica. John, che Kit Harington non ha mai incontrato, fu quindi incaricato di tenere d'occhio il duca e la duchessa di Windsor nel caso in cui l'ex re, che abdicò al trono nel 1936, avesse trasmesso informazioni ai nazisti. La star di Game of Thrones ha detto di aver sentito delle voci in merito al lavoro di spionaggio di suo nonno, ma non conosce l'intera portata della sua missione, e non la conosce nemmeno suo padre, Sir David Richard Harington. “Non siamo riusciti a scoprire grandi dettagli a riguardo, ma sappiamo che li stava spiando” ha detto a The Telegraph. “Penso comunque che valga davvero la pena indagare sui genitori di mio padre, perché ho sentito alcune voci, alcuni... sussurri... su ciò in cui erano stati coinvolti”. La moglie di John, Lavender, lavorava come decifratrice di codici alle Bermuda, dove leggeva le lettere per vedere se contenevano messaggi in codice di spie naziste. La coppia si è incontrata mentre entrambi lavoravano nell'intelligence alle Bermuda, durante la guerra.

Kit Harington, il nonno materno

GUARDA ANCHE

Tutti i video su cinema e film

Nel documentario, Kit Harington parla anche di suo nonno materno, rimasto traumatizzato dopo la seconda guerra mondiale. Suo nonno Mick Catesby era infatti un ufficiale della Royal Artillery e rimase mentalmente segnato dalla battaglia di Montecassino nel sud Italia nel 1944. La moglie di Mick, Pippa, unica nonna che Kit abbia conosciuto bene, divenne infermiera senior a Exeter durante la guerra, ma fu costretta a rinunciare alla sua carriera dopo il conflitto. Kit ha spiegato che riflettere sulle esperienze in tempo di guerra dei suoi nonni gli ha fatto capire come generazioni diverse abbiano affrontato il trauma, visto che suo nonno Mick è rimasto talmente segnato da non essere mai riuscito a parlare della guerra.

Spettacolo: Per te